August 18, 2017

Print Friendly, PDF & Email

E’ un ricco numero quello di Trezerocinque in edicola da questa settimana, dall’intervista “esclusiva” a coach Piero Bucchi, all’indomani dalle dimissioni da capo allenatore della Consultinvest Pesaro, all’ uomo copertina Kris Joseph, ritornato in campo a pieno regime dopo l’infortunio che lo ha costretto di stare fuori dal parquet per tre mesi.

 

E ovviamente spazio a considerazioni e progetti futuri nella settimana che ha visto l’esordio in maglia New Basket di Samardo Samuels, l’uomo che con il suo impatto immediato nel match contro Avellino ha mostrato tutta la sua voglia di ben figurare in questo finale di stagione.

 

 

“La società brindisina ha mostrato chiaramente di non essere per niente inferiore in termine di ambizioni e mezzi rispetto a società che puntano dccisamente in alto – sostiene il direttore Mino Taveri – l’innesto dell’ex pivot campione d’Italia con Milano si è rivelato davvero linfa vitale per il roster di Sacchetti. Ora bisogna però evitare festeggiamenti esagerati perché l’equilibrio del torneo deve in un lampo riportare tutti con i piedi per terra. Brindisi può giocarsela davvero con chiunque e sognare è a questo punto più che lecito, ma bisogna farlo con intelligenza e applicazione. Il segnale dato contro Avellino – conclude Taveri – è più che incoraggiante, il talento complessivo della squadra brindisina deve fare il resto.” Tra gli altri argomenti di questo numero, conosciamo da vicino il play italiano Marco Spanghero, e visto che tra i prossimi avversari di Brindisi ci sarà Sassari, trasferta molto speciale per Meo Sacchetti, chi meglio del figlio Brian poteva parlarcene?.

 

Trezerocinque lo ha incontrato per voi, mentre per il basket femminile fari puntati sulla brindisina Marzia Tagliamento, fresca vincitrice della Coppa Italia con Schio. Infine vi segnaliamo la nostra inchiesta sul “pasticcio” tutto italiano riguardante il tesseramento degli stranieri nei campionati minori e le consuete rubriche di Roberto Cordella, Tonino Malerba e Giovanni Rubino.

 

 

No Comments