November 22, 2019

Print Friendly, PDF & Email

Come difendersi, quindi, da tutti i possibili veleni nel piatto dal momento che è materialmente impossibile scansarli? Chiaramente, dobbiamo fare tutto il possibile per introdurre nel nostro corpo la minore quantità possibile di veleni ma ciò è difficilissimo. Quando non è possibile tenere pulito un pavimento o un vestito, l’unico modo per non vivere con lo sporco è quello di lavare gli ambienti e i vestiti frequentemente.

 

In effetti, è impossibile non sporcare un ambiente di lavoro per cui, se si vuol vivere e lavorare nel pulito, occorre lavare spesso gli ambienti che si frequentano. Per ripulire, quindi, l’interno del nostro corpo da tutti i veleni che vengono in qualsiasi modo introdotti occorre lavarlo abbondantemente con acqua pura e viva. Certamente, non utilizzereste l’acqua sporca per lavarvi la faccia o i panni che indossate o i piatti in cui mangiate. Ebbene, se vogliamo detergere l’intestino ed i tessuti del nostro corpo, occorre che beviamo abbondante acqua pura ma anche bioattiva.

 

Perché parlo di acqua bioattiva? Semplicemente perché, per asportare le tossine del corpo, l’acqua le deve legare (chelare) per neutralizzarle e, quindi, poterle espellere. Ebbene, un’acqua bioattiva è in grado di asportare maggiormente le tossine presenti nell’organismo. A questo punto, mi dovreste chiedere quali sono le caratteristiche dell’acqua bioattiva e dove trovarla.

 

L’acqua bioattiva è caratterizzata dalla presenza in essa di idrogeno molecolare e/o ioni liberi. Questa caratteristica permette alle cellule di ricevere energia e difesa dai radicali liberi. L’acqua bioattiva esiste in natura in varie sorgenti, e si può produrre tecnologicamente in vari modi. Il metodo più diffuso è quello di ionizzare l’acqua attraverso apparecchi ad elettrolisi oppure di far passare l’acqua attraverso dei filtri (simulando la natura) che rilasciano ioni negativi ed idrogeno. Ma il metodo più recente, pratico, economico ed innovativo è quello che utilizza una miscela di minerali alcalini con un attivatore di ioni ed idrogeno. Il prodotto in questione è di imminente commercializzazione da parte della società Vivere Alcalino srl che lo ha inventato.

 

L’acqua bioattiva, quindi, è in grado di produrre molteplici benefici nell’organismo in quanto rafforza il sistema metabolico, digestivo e immunitario, regola e stimola il sistema circolatorio, drenante e nervoso. La ricerca sull’acqua ionizzata e/o idrogenata è notevole in tutto il mondo, ed i risultati sono molto lusinghieri su diverse patologie. Il sottoscritto ha un’esperienza ultradecennale su questo argomento e la divulga con i suoi libri da anni.

 

Il mio consiglio è quello di informarvi sull’argomento perché si tratta di un tema che può risolvere vari problemi di salute e di malessere molto diffusi nella società odierna. Infatti, la maggior parte dei problemi di salute derivano da una latente disidratazione cellulare accentuata dal consumo delle bevande industriali che hanno preso il posto della semplice acqua. Le bevande industriali, contenenti zucchero ed additivi, non solo non soddisfano l’esigenza idrica delle cellule ma ne peggiorano la disidratazione e l’efficienza energetica.

 

Infatti, lo zucchero e gli additivi presenti nelle bevande industriali acidificano l’intero organismo peggiorandone l’intera funzionalità. L’acidosi metabolica e digestiva è alla base di tutte le malattie croniche degenerative e dei disturbi di umore compresi quelli neurologici.

 

Continua…

 

Rocco Palmisano

No Comments