January 26, 2020

Print Friendly, PDF & Email

Buon compleanno Camillo, tanti auguri vecchio amico mio! 60 anni sono un bel traguardo.

Un’età raggiunta in modo splendido sulle note di una fantastica colonna sonora trasmessa alla radio per quattro generazioni di ascoltatori.

 

Competenza, professionalità, impegno e precisione, ti hanno sempre fatto buona compagnia.

 

Dopo la prima e bellissima esperienza a Radio Giovane ci interrogammo sul nostro futuro da speaker e appassionati di rock.

 

Invece, eccoci ancora qui a condividere, con altri fratelli radiofonici, che si associano a questi poco discreti auguri, a dei momenti bellissimi di amicizia, tra etere, arte, vinili e variegate scene musicali.

Una vita fatta non solo di note, ma ricca di importanti storie nelle quali non sono mancate pesanti nubi grigie.

 


Abbiamo avuto il merito di rialzarci, capirci, crederci.

 

Il rock, la radio, il sabato sera, la condivisione, quasi 40 anni di amicizia erano pronti a sostenerci e ad asciugare le nostre lacrime e ad accettare le nostre follie.

 


Ti ho conosciuto sulle note dei Boston e degli Sweet, oggi ascoltare “Don’t look back” e “Life is like oxygene” mi riporta alla tua gloriosa “A112” bianca e a quel fulmine dispettoso entrato sulla sigla di “Corto Circuito” a Canale 94.

 

La radio è stata il nostro destino e la nostra scuola di vita a cui abbiamo dedicato gran parte del nostro tempo, con la passione al posto della ragione.

 

Oggi, continuare a fare radio a modo nostro da “anziani anarchici” è un sogno che si realizza anche attraverso il sacrificio delle persone che ci sono vicino.

 

Hai raggiunto un’età importante, qualcuno di noi ti seguirà a breve…

Mi piacerebbe che il presente si trasformasse in futuro, nella radio abbiamo trovato la cittadinanza, la residenza.

Per il futuro, come alternativa, è sempre valido quel progetto nel rudere del quartiere S.Elia, qualora fosse completato.

 

 

Buon compleanno Camillaccio, auguri di cuore amico mio.

Continua a far pulsare il rock’n’roll nell’etere, ci sarà sempre una nuova “next generation” pronta a seguirti.

 

 

MARCO GRECO

 

No Comments