November 21, 2019

Print Friendly, PDF & Email

Due eccellenze del Liceo musicale Durano, Livia Iadanza (violinista) e Federica Persano (clarinettista), hanno preso parte dal 9 al 15 luglio 2018 al Laboratorio Orchestrale dei giovani talenti dell’Orchestra Nazionale dei Licei Musicali Italiani. Una settimana vissuta all’insegna della musica sotto la guida dei maestri: Francesco Di Peri (Direttore d’orchestra) Claudio Mandonico (sezione Archi), Giovanni D’Auria (sezione Fiati) e Paolo Favorido (sezione Percussioni).

 

Nata dalla collaborazione fra il MIUR-Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale D’Istruzione e la Rete Nazionale “Qualità e sviluppo dei Licei Musicali e Coreutici” nell’ambito dei “Corsi di Perfezionamento e di Interpretazione Musicale di Sermoneta 2018” organizzati dalla Fondazione Campus Internazionale di Musica, la seconda edizione del Laboratorio Orchestrale crea la formazione orchestrale nazionale con un organico formato da 63 studenti provenienti da 31 licei musicali, presenti in tutte le regioni italiane.

 

Dopo lo splendido esordio, avvenuto lo scorso anno a Sermoneta (luglio 2017), cui il Durano partecipò con altre due giovani eccellenze, anche quest’anno l’Orchestra dei Licei musicali, a conclusione dello stage, si è esibita al Festival Pontino di Musica sabato 14 luglio alle ore 21 al Castello Caetani, diretta da Francesco Di Peri.

 

Il programma scelto, noto non solo agli addetti ai lavori, è stato ricco di emozioni: l’apertura è stata affidata alle brillanti note dell’Ouverture dal Matrimonio segreto, opera buffa in due atti scritta da Cimarosa. Ripercorrendo alcune delle tappe importanti del panorama musicale europeo, il viaggio musicale è proseguito con il popolarissimo Intermezzo sinfonico tratto dalla Cavalleria Rusticana di Mascagni e la Romanza per violino e orchestra n. 2 in fa maggiore op. 50 di Beethoven; passando per la Grosse brillante polonaise op. 22 di Chopin, si è approdati alla grande Sinfonia n. 8 “Incompiuta” di Schubert in si minore D759. La conclusione: un omaggio al grande cinema con la musica esilarante di Nino Rota e le sue più conosciute colonne sonore. Il numeroso pubblico ha apprezzato l’esecuzione non risparmiando appalusi calorosi ai giovani interpreti e al direttore.

 

L’Orchestra nazionale dei licei è una risorsa culturale, completamento di un percorso liceale altamente formativo, ed efficace strumento di comunicazione di una esperienza appassionante e totalizzante, quale quella del suonare insieme ad allievi di altre regioni. Le due musiciste del Durano hanno vissuto un intenso periodo di vacanza-studio insieme agli altri coetanei con i quali hanno condiviso l’amore per la musica e la possibilita’ di suonare in un’orchestra di ampio respiro. Il laboratorio è stato concepito come attività di Alternanza Scuola Lavoro, un’ esperienza orchestrale dal carattere altamente professionalizzante tanto che ai partecipanti è stato rilasciato un attestato valido per il riconoscimento di crediti formativi.

 

Tenendo in gran conto il valore che il MIUR attribuisce alla pratica musicale come fattore educativo dei giovani, per il Liceo musicale Durano forte è la convinzione che la valenza espressiva e comunicativa della musica e il suo carattere di linguaggio universale siano un modo efficace per iniziare rapporti di conoscenza e di relazione, condividendo un progetto comune che apre a nuovi orizzonti sociali e musicali. Suonare insieme educa a una convivenza attiva e responsabile, attraverso la comunicazione diretta di valori messi in atto con corretti modelli comportamentali e la pratica attiva e contribuendo “alla crescita equilibrata della persona, attraverso una più armoniosa utilizzazione delle varie capacità della mente umana” (dalla nota MIUR del 3 aprile 2018).

 

Su questo solco l’esperienza straordinaria delle due studentesse, che con questo stage hanno coronato il loro percorso di studi al Liceo Musicale Durano.

 

Livia, in proposito, sottolinea: “Sono veramente riconoscente verso la mia Scuola, che mi ha dato la possibilità di partecipare all’Orchestra Nazionale dei licei, facendomi vivere una bellissima esperienza, stimolante e formativa. Il livello dell’Orchestra era davvero alto, e confrontarmi con studenti e studentesse di tutta Italia mi ha fatto crescere, rendendomi ancora più consapevole del mestiere che sogno di fare, la violinista”.
Maria Antonietta Epifani

No Comments