November 13, 2018



Print Friendly, PDF & Email

Dal concerto jukebox di Michele Marvulli, fondatore della gloriosa scuola pianistica barese, alle improvvisazioni jazz di Stefano Bollani. Piano Lab, la manifestazione itinerante che celebra in Puglia il re degli strumenti, entra nel vivo. E questo weekend, propone due appuntamenti imperdibili, sabato 4 e domenica 5 agosto.

 

Sabato 4 agosto, a Ceglie Messapica, sarà una festa degli ottantotto tasti, a partire dal concerto jukebox di Michele Marvulli. Dalle ore 19, nel centro storico, si terranno concerti per piano solo, di jazz e musica da camera. Sei le postazioni dislocate tra Chiesa di San Domenico, Chiesa di San Demetrio, chiostro della Med Cooking School, Chiesa Madre, Atrio del Castello Ducale e Giardino del Museo Maac (ingresso libero). Particolarmente attesa la performance di Michele Marvulli, il maestro dei maestri che è stato uno straordinario solista e poi didatta di una generazione di allievi diventati concertisti di fama internazionale, da Benedetto Lupo ad Emanuele Arciuli, Pierluigi Camicia e molti altri ancora. Marvulli interagirà con il pubblico, dal quale riceverà indicazioni su cosa suonare. Una concerto alla maniera di Stefano Bollani, ma in versione classica. E poi ci saranno i recital di Francesco Libetta, Massimo Carrieri, Roberto Dante, William Greco, Mafalda Baccaro, Roberto Re David, del Pasquale Mega Trio, di Mirko Lodedo, che presenterà il progetto «Vi racconto il mio piano» prodotto da Ghironda e Casarmonica, e del medico-pianista Guido Giaculli.

 

Domenica 5 agosto Piano Lab si trasferirà a Martina Franca, per il «solo concert» di Stefano Bollani nell’atrio dell’Ateneo Bruni (ore 21.30), dove l’appuntamento di Piano Lab viene proposto in collaborazione con l’Amministrazione Comunale (info 080.430.11.50 – prevendita sul circuito vivaticket.it). Bollani terrà un piano solo che sarà non tanto un tradizionale concerto al pianoforte, quanto un omaggio all’arte dell’improvvisazione. Perché quando Bollani sale sul palco per il suo one-man-show, può accadere qualsiasi cosa. Non esiste nessuna scaletta, nessun programma di sala al quale aggrapparsi per seguire il succedersi dei brani. Lo spettatore è trascinato in un’avventura ogni sera diversa, un viaggio a perdifiato attraverso orizzonti musicali solo apparentemente lontani. Pertanto, si può passare da Bach ai Beatles, da Stravinskij ai ritmi brasiliani, con improvvise incursioni nel pop o nel repertorio italiano degli anni Quaranta. E in questo vero e proprio flusso di coscienza musicale, il riso e l’emozione si mescolano. Una sola cosa è certa: alla fine del concerto è il pubblico a decidere il bis.

 

Il concerto di Bollani verrà preveduto, alle ore 18.30, presso il Bar Ducale, dalla presentazione del libro «Io so’ Marvulli» curato da Fiorella Sassanelli ed edito dalla Ghironda, volume che verrà regalato a tutti gli iscritti all’iniziativa «Suona con noi» in programma l’11 e il 12 agosto, sempre a Martina Franca: una due giorni per la quale si preannuncia la partecipazione di oltre duecento pianisti.

No Comments