Home | Le notizie | Lo sport | I canali | Le tue foto | Brindisi Links | E-mail |

.Le news di Brundisium.net
.Lo sport: calcio, basket, volley

.I canali di Brundisium.net:

...· Approfondimenti
...· Appuntamenti
...· Arte
...· Beauty & Wellness
...· Brindisi vista da...
...· Cinema
...· Economia
...· Formazione e Lavoro
...· Frequently Asked Questions
...· Isola di G. Sciarra
...· Le tue foto
...· Libri
...· Musica
...· Personaggi
...· Poesia
...· Pubblica utilità
...· Salute
...· Scompartimento
...· Stelle e Strisce
...· Teatro
...· Università
...· Viaggi
...· Video

Brundisium.net
.Ti dico la mia
.Saluti
.La bacheca del calcio
.Il tabellone del basket
.Il muro del volley
.Baci e carezze
.Alma Mater
.La Chat di Brundisium.net
.Indice del sito
.Invia le tue foto
Brundisium.net
Musica: Diario di bordo. Pagina n. 13



Ultime pagine I canali Ricerca

Musica » 26/06/2009

Diario di bordo. Pagina n. 13

Non è la prima volta che ci capita di parlare e di scrivere di Stefano Ventruto, e lo facciamo sempre con piacere perché il musicista brindisino riesce sempre a sorprenderci e incuriosirci con i suoi nuovi lavori.
Di Stefano potremmo raccontarvi della sua prima volta a Ciccio Riccio a suonare il blues e del suo primo abbigliamento in puro stile Blues Brothers, ma anche di un canestro mancato e rimasto strozzato in gola. Ventruto in questi giorni fa il suo esordio in “Cantatutto Vol. 4” (edizioni Universal/Ricordi) con il brano “Questa vita è mia”.
Presentata in diverse occasioni presso l’Università di L’Aquila, questa canzone è stata scelta anche come spot ACI per la sicurezza stradale. Nel “Cantatutto Vol. 4” il chitarrista brindisino è in buona compagnia: Vasco Rossi, De Andrè, Zucchero, Baglioni, Ramazzotti e soprattutto Biagio Antonacci, nuovo riferimento della musica di Ventruto.
Il brano “Questa vita è mia” a breve avrà anche una seconda vita con la partitura completa che sarà presente in un altro fascicolo editoriale Universal/Ricordi “Antologia della canzone”. Ventruto, in questi anni, ha trovato il modo di affacciare ambizioni ancora più alte e di esprimersi in una superiore gamma di forme. Ricordiamo le musiche per i programmi RAI (Edizioni RAI Trade/Unifunk), ma anche l’impegno nel sociale dove svolge gli incontri di musico-terapia presso il “Servizio psichiatrico universitario di diagnosi e cura” di L’Aquila.
A livello legale l’artista virgiliano è seguito, passo dopo passo, dal procuratore Prof. Avv. Tatafiore Andrea, esperto in diritto d’autore. Il “Cantatutto Vol. 4” rappresenta l’uscita nazionale ufficiale di Ventruto come autore di canzoni.
Un altro azzeccato capitolo nella storia dell’artista brindisino.

Ed ora apriamo il forziere di RADI@zioni con la musica e le novità e i concerti.
Da “RADI@zioni / The Next Generation” di lunedì 25 maggio 2009:
Può un disco di pop-rock, senza chitarre per di più, essere perfetto? Sì se c'è in giro una band come Animal Collective con un album intitolato “Merriweather Post Pavilion”! Verrebbe da definirli gli unici veri alfieri dell’indie-rock del nuovo millennio, ma questa etichetta alla band va strettissima. Avanguardia, sperimentazione, psichedelia elettronica, folk tribale?
Chiamatela come volete. Quel che conta, in fin dei conti, è che oggi non c'è nessuno come loro e come loro nessuno ha fin’ora saputo cogliere, anticipare, prevedere e infine concretizzare il suono di questo 1° decennio del secolo XXI.
È questa la vera psichedelia dei nostri giorni!
“Merriweather…” è stato scelto da Camillo Fasulo per l’approfondimento del “Disco della settimana” nella puntata di lunedì 25 maggio.

E sempre dalla stessa puntata ecco un’altra segnalazione:
Tra i dischi più ascoltati del momento c’è “Dark Days / Light Years” dei Super Furry Animals. C’è un miscuglio di generi veramente forte e di grande qualità qui dentro! Si respira aria “beatlesiana” infettata da ritmi “novantiani” (Beck insegna!), cori in stile sixties e numeri di scuola “kraut-rock”…
Un album che, sfuggendo ad una facile catalogazione, ci consegna una band in piena tempesta ormonal-musicale, una band di cui si parla davvero troppo poco al di fuori del Regno Unito ed i cui meriti un giorno saranno scolpiti nel grande libro della storia del rock! È stato scelto da Carmine Tateo per il frammento radi@ttivo “Disco Hot / I dischi più ascoltati del momento”.

Nei giorni scorsi lo scalcagnato veliero “radio@ttivo” ha fatto rotta verso i poco frequentati lidi delle terre del Jazz. Per tale occasione Antonio Marra ha ceduto il timone a Marco Valente gradito ospite della puntata “Cult” di “RADI@zioni” di venerdì 19 giugno.
Marco Valente, contrabbassista e compositore, é sopratutto il produttore esecutivo dell’apprezzata etichetta Jazz AUAND Records nonché della serie Jazz Engine che negli ultimi 10 anni ha sfornato decine di opere jazz apprezzate in ambito internazionale; tanto per citarne una: l’esordio di Gianluca Petrella.
Marco Valente é una sorta di mecenate che investe il proprio tempo ed il proprio denaro con l’obiettivo di condividere con gli ascoltatori le sensazioni di piacere e raffinatezza che solo la musica sa trasmettere, e questo nonostante il mercato discografico attuale non sia in condizioni di ripagare simili sforzi.
È stata l’occasione, quindi, per ripercorrere alcune tappe fondamentali per il jazz italiano, ripescando dischi di Gianluca Petrella, Francesco Bearzatti, Giancarlo Tossani, Marco Bardoscia, tutti targati AUAND, e per proporre l’uscita più recente del trio piemontese 3Quietmen, con Stefano Battaglia, intitolato “Bartokosmos” (rielaborazione di musiche del compositore ungherese Bela Bartok): quanto di più fresco ed innovativo in ambito jazz sia in circolazione al momento. Dato che la passione di Marco Valente sembra non avere limiti segnaliamo, infine, il suo sito www.jazzos.com, tra i più longevi del settore e sul quale poter effettuare i propri acquisti jazz tra un catalogo di migliaia di titoli (oltre alle produzioni Jazz Engine e AUAND).

Michele De Luca, il nostro mozzo-inviato, solitamente non riceve molti regali, se non qualche pacca sulla spalla, e qualche razione doppia di cibo, come premio per il lavoro svolto celermente e senza grossolane imperfezioni.
Molto probabilmente è stato anche per questi motivi che mentre da sotto il palco allestito in “Piazza Castello”, mercoledì 3 giugno 2009, in quel di Ferrara, ascoltava a braccia conserte le storie raccontate da un individuo tra l’inquietante e il degno di commiserazione, si è sorpreso a riflettere più del solito, immerso totalmente in un bagno di sognante psichedelica e dura, durissima realtà.
Gli Offlaga Disco Pax sono proprio questo! Un inaspettato regalo! Al di là dell’aspetto trasandato, sanno farti riflettere su ogni singola parola, servendoti verità in piatti freddi e, per alcuni, indigesti, lasciando all’ascoltatore il compito, tutt’altro che semplice, di giudicare ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.
Moog impazziti, chitarre distorte e imprecise, tappeti di note per la lenta camminata di una voce che non canta ma parla a chi ha orecchie per ascoltare, giudicare, avvicinarsi o prendere le distanze.

(Marco Greco)


Ultime pagine I canali Ricerca

Rassegna stampa
Brundisium Tv
Sfondi per il desktop
Fiamma - La sala giochi
Brindisi Links


Chi siamo | Contattaci | Credits | Note per gli utenti | Indice del sito | | Brundisium.net in home page