August 8, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

“E’ semplicemente ridicolo che il governo stia tentando di mettere il cappello su un’iniziativa assolutamente locale, targata Partito Democratico tra l’altro, come quella che ha visto la donazione di alcuni pc a una scuola di Brindisi a seguito di un furto avvenuto nei giorni scorsi. Siamo abituati alle passerelle di questo esecutivo che parla tanto e fa, invece, poco e male, ma fare campagna elettorale sulla scuola è veramente troppo. L’esecutivo si preoccupi piuttosto di fornire attrezzature e piattaforme informatiche agli istituti visto il disastroso risultato della didattica a distanza durante il lockdown e di adeguare le scuole ai protocolli anti-Covid per un avvio in sicurezza del prossimo anno scolastico”. Così, in una nota congiunta, i deputati di Forza Italia, Mauro D’Attis, commissario del partito in Puglia e Valentina Aprea, responsabile del dipartimento Istruzione del movimento azzurro.

Questo il ccomunicato di Pietro Guadalupi (Fratelli d’Italia): “La città di Brindisi è stata interessata, nelle scorse ore, da un episodio a dir poco discutibile. Dirigenti locali e nazionali del Partito Democratico, in presenza dell’immancabile sindaco Rossi e in collegamento addirittura con una vice ministra dello stesso partito, si sono recati nella scuola “Mameli” per donare dei computer e dei monitor che erano stati trafugati nelle scorse settimane. Un bel gesto, ma l’effetto nobile e positivo si è dissolto proprio a causa del clamore dato alla notizia e dell’ampia vetrina fotografica dell’avvenimento. Il tutto, anche in considerazione del fatto che siamo ormai in aperta campagna elettorale.

Fatto ancor più grave è che proprio il PD, sulla sua pagina facebook, ha fatto una “sponsorizzata” per ottenere dei ritorni di immagine dalla cerimonia di consegna.

Un motivo in più per invitare alla cautela i dirigenti scolastici e per chiedere al PD di evitare forme così palesi di speculazione politica.

La beneficenza, per qualche settimana, va fatta a telecamere spente. Per serietà e per rispetto del mondo scolastico”.

No Comments