October 1, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Il Governo Italiano ha finanziato opere portuali per oltre 900 milioni di euro, su indicazioni delle Autorità Portuali, ma nessuna riguarda il Porto di Brindisi.
Ciò che è avvenuto è un fatto gravissimo. Il Presidente dell’Autorità Portuale deve spiegazioni su quanto accaduto all’amministrazione comunale, agli operatori portuali e alla città intera.
Eppure opere da finanziare ve ne sono, pensiamo al completamento della colmata di Capobianco e al suo banchinamento che potrebbe risolvere il problema dragaggi nel porto di Brindisi, l’elettrificazione delle banchine, ad esempio con il sistema del cold ironing, per dare maggiore sostenibilità ambientale alle operazioni portuali, o ancora bonifica e rimozione dei depositi dell’area ex POL ottenendo anche le risorse aggiuntive necessarie per dare seguito ad un accordo quadro con la Marina Militare da sempre disatteso e mai attuato.
E non ci dica il Presidente Patroni Griffi che le opere proposte sono quelle immediatamente cantierabili perché la camionale su Bari non ci risulta che lo sia e perché vi è un secondo elenco finanziato successivamente a settembre, con opere differenti, ed anche in questo non abbiamo traccia del Porto di Brindisi. Così come non vi è traccia di interlocuzione con l’amministrazione comunale su quali opere proporre al Ministero. O forse Patroni Griffi si confronta solo con l’amministrazione di Bari?
Il Presidente Patroni Griffi è ogni giorno presente, in modo non corretto per chi rappresenta un’Istituzione su Facebook, con i suoi mattinali critici verso l’amministrazione, il Sindaco e la città di Brindisi.
Risponda invece del fallimento della sua Presidenza a Brindisi che fortunatamente per la città ed il Porto di Brindisi si avvia alla conclusione.
In questi ultimi mesi della sua presidenza rettifichi la richiesta al Ministero ed avanzi richiesta di fondi per le opere fondamentali per il Porto e la città.

Brindisi Bene Comune

No Comments