October 14, 2019

Print Friendly, PDF & Email

Venerdi 11 Gennaio pv (alle ore 17,00) presso il Chiostro di San Paolo Eremita in piazza Dante a Brindisi, verrà presentato l’evento conclusivo di Mouvement Research, laboratorio di 60 ore di danza contemporanea condotto dal Maestro e coreografo Vito Alfarano per Trame Solidali realizzato grazie al sostegno di Fondazione con il Sud e organizzato dalle associazioni brindisine “Migrantes” e “Compagni di Strada”.

 

Un progetto di inclusione ed integrazione che ha visto protagonisti alcuni richiedenti asilo ospiti dei vari centri di accoglienza, ragazzi italiani e americani. Non era richiesta alcuna base di danza, ma solo tanta voglia di mettersi in gioco, di condividere e scoprire realtà culturalmente diverse. Unica regola tra i danzatori, studenti, disoccupati, cuochi, attrici partecipanti al laboratorio è stata quella di non giudicare e di non sentirsi giudicati per liberare la mente dai limiti dando la possibilità al corpo di muoversi in libertà. La danza ha reso possibile tutto questo e anche attraverso lo scambio di danze tradizionali dei luoghi di provenienza.

 

Il laboratorio si è basato sulla ricerca del movimento attraverso l’improvvisazione seguendo codici prestabiliti che hanno permesso al gruppo di comunicare tra loro attraverso l’ascolto, l’osservazione e l’esplorazione corporea e sensoriale. Il lavoro è partito dalla presa di coscienza del corpo e la conoscenza dei suoi valori inattesi: capacità di ascolto di se stessi, dei suoni dentro e fuori di noi, il vedere a occhi chiusi e il sentirsi proiettati in uno spazio scenico per arrivare, gradualmente, alla costruzione di un personale alfabeto motorio. Il laboratorio non ha avuto il fine di creare uno spettacolo ben definito, ma di fornire gli strumenti che hanno reso i partecipanti creatori dei loro movimenti: un lavoro che appartiene principalmente alla danza contemporanea in cui i danzatori non sono dei semplici esecutori per il coreografo ma creatori e sviluppatori della sua idea coreografica e registica.

 

SPECCHIO è il titolo del frutto conclusivo del laboratorio che assemblerà gli studi coreografici realizzati con dei testi recitati che susciteranno nello spettatore diverse visioni ed emozioni. SPECCHIO con la direzione artistica di Vito Alfarano, l’interpretazione dei testi di Francesca Danese e la partecipanti di De Leo Andrea, Doumbia Noumouke Ladjii, Edoule Hermes Fayol, Henry Israel, Konate Yakouba, Ogbonnaya Chinedu, Teresa Guadalupi, Valentina Guadalupi. La partecipazione è gratuita.

 

“Trame Solidali” è un’idea realizzata attraverso il sostegno della “Fondazione CON IL SUD”

(www.fondazioneconilsud.it).

 

 

Comunicazione
Trame Solidali

No Comments