October 1, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Sono stati eseguiti oggi i primi tamponi nel drive in di Fasano, che si aggiunge a quello già attivo al Perrino di Brindisi. La struttura, all’angolo tra via Lisi e via Giardinelli, è stata inaugurata nel corso di un incontro al quale hanno partecipato il direttore generale della Asl, Giuseppe Pasqualone, il direttore del Servizio di Igiene e Sanità pubblica della Asl, Stefano Termite e il sindaco di Fasano, Francesco Zaccaria.
“Dopodomani – ha detto Pasqualone – partirà anche il drive in a Francavilla Fontana, nel parcheggio esterno dell’ospedale. Queste strutture, realizzate in collaborazione con Protezione civile regionale, Aqp ed Enel, sono molto utili e rispondono all’esigenza di avere postazioni per lo screening sul territorio in una fase in cui la gente circola regolarmente”.
“Le postazioni drive in – ha aggiunto Termite – sono dotate di pensiline e permetteranno anche in inverno di sottoporsi al tampone in condizioni di sicurezza. La persona che accusa i sintomi del Covid-19 deve segnalarlo al medico di base che a sua volta provvederà a informare il Dipartimento di Prevenzione. È possibile, comunque, chiamare direttamente i numeri 3384640432 – 3381120340 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e giovedì pomeriggio dalle 15 alle 17, o inviare una e-mail di richiesta a sorveglianza.coronavirus@asl.brindisi.it”.

 

Domani alle 16:00 le ditte esecutrici consegneranno la rinnovata struttura dell’Ospedale di Comunità di Cisternino – nella Casa della Salute di Via Magellano – nelle mani del direttore generale della Asl Brindisi, Giuseppe Pasqualone, alla presenza del direttore sanitario, Andrea Gigliobianco.
Dopo la chiusura come spazio riservato ai pazienti post Covid, avvenuta nello scorso maggio, all’interno della struttura sono stati eseguiti significativi interventi, che renderanno i locali a disposizione del pubblico e del personale più adatti alle nuove funzioni.
In particolare, al piano terra sono state adeguate le strutture igieniche per i pazienti con bagno in ognuna delle stanze di degenza a due letti e un bagno assistito; sono stati realizzati: una zona cucina, uno spazio polifunzionale, un ambulatorio, un’infermeria, uno studio medico, un’area per l’accoglienza.
L’ospedale di comunità è riservato a pazienti che, pur non presentando patologie acute, non possono essere assistiti a domicilio. Si tratta di persone che necessitano di controlli e terapie particolari, fra i quali anche malati in fase terminale o preterminale. La cura è affidata al medico di base del singolo paziente, che potrà usufruire della collaborazione dei colleghi dipendenti della Asl oltre che delle attrezzature disponibili in sede.
Interventi sono stati eseguiti anche al primo piano della Casa della Salute: sei ambulatori, due sale diagnostiche, una stanza per vaccini, una stanza per i prelievi di sangue, gli uffici amministrativi e il Centro Unico Prenotazioni.
I lavori, diretti dall’ingegner Renato Ammirabile, sono costati in tutto 700 mila euro (nella cifra sono compresi gli interventi precedenti necessari per l’emergenza Covid).
“Quelli di Cisternino – commenta il direttore generale della Asl, Giuseppe Pasqualone – non sono gli ultimi investimenti decisi per la logistica sanitaria; dobbiamo aggiungere 7.000.000 di euro per la ristrutturazione generale dell’ex ospedale di Fasano (gara aggiudicata e prossimo l’avvio dei lavori), adibito attualmente a Presidio territoriale di assistenza con ospedale di comunità; 370 mila euro per sale operatorie e di endoscopia dello stesso Pta; 9.000.000 di euro per il Presidio territoriale di assistenza di San Pietro Vernotico (la gara sta per essere aggiudicata); 3.600.000 euro per l’hospice e 2.500.000 euro per la piastra ambulatoriale, entrambi a Mesagne. Sempre a Mesagne, infine, si è in fase di progettazione esecutiva per il completamento della riconversione in Presidio territoriale di assistenza dell’ex ospedale per un importo di 8.000.000 di euro”.

 

UFFICIO STAMPA ASL BR

No Comments