May 26, 2024

Brundisium.net

Brindisi si prepara a diventare il fulcro dell’attenzione mondiale il prossimo 13 giugno, quando ospiterà la cena inaugurale del G7 nel suggestivo scenario del Castello Svevo. La notizia è stata confermata dal commissario regionale di Forza Italia, l’on Mauro D’Attis, il quale ha espresso grande orgoglio per la scelta del governo italiano di dare a Brindisi questo prestigioso incarico.

“È un grande onore per la città e un segnale di grande attenzione da parte del governo”, ha dichiarato D’Attis. “Ringrazio a nome della comunità il presidente Giorgia Meloni e il vice presidente Antonio Tajani per aver offerto questa straordinaria vetrina al nostro territorio. Lavoreremo con il Prefetto, il Sindaco e gli altri rappresentanti istituzionali per garantire la migliore riuscita dell’evento”.

La partecipazione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella rende l’evento ancora più prestigioso e sottolinea l’importanza attribuita alla riunione da parte delle massime autorità italiane.

Le dichiarazioni di D’Attis sono state seguite da quelle di Lippolis, rappresentante di Confindustria Brindisi, che ha accolto la notizia con viva soddisfazione.

“Dopo l’apprezzamento per la decisione del Governo Meloni di tenere il G7 presso la struttura nostra associata di “Borgo Egnazia”, abbiamo appreso con viva soddisfazione che il G7 si aprirà il prossimo 13 giugno a Brindisi”, ha dichiarato Lippolis. “Brindisi al centro dell’attenzione mondiale rappresenta una circostanza non solo di per sé di straordinaria importanza, ma anche un focus mondiale sul nostro territorio. Da ciò, auspichiamo possano essere favorite, oltre alla crescita di flussi turistici, anche attenzione ed approfondimenti da parte della business community, propedeutiche ad investimenti ed a nuove iniziative imprenditoriali”.

L’evento promette di portare non solo prestigio, ma anche opportunità economiche e di sviluppo per la città e il territorio circostante, con la speranza che possa stimolare nuovi investimenti e iniziative imprenditoriali.

No Comments