June 15, 2024

Brundisium.net

Le attività commerciali continuano a diminuire su tutto il territorio nazionale, Brindisi
compreso. È quanto emerge da “Il Commercio oggi e domani”, lo studio sul futuro della distribuzione
commerciale condotto da Confesercenti e IPSOS. Una circostanza che è la logica conseguenza del
perdurare del processo di desertificazione conseguente alla crisi per la pandemia degli anni scorsi e per
il caro-inflazione e il caro-energia di questi ultimi mesi. E il nostro territorio, purtroppo, contribuisce
fortemente al perdurare di questa tendenza negativa. Tutto questo si riflette pesantemente sui negozi di
vicinato, costretti a chiudere le serrande, in particolare nei settori moda, giornali, cartoleria, dolciumi,
macelleria. Resistono invece i negozi di frutta e verdura, quelli per vendita di bevande, pesce e
crostacei.
Ogni nucleo familiare ha dovuto comunque far fronte ai propri risparmi per fronteggiare
l’aumento dei prezzi. Nonostante questo sacrificio, si stanno riempiendo sempre meno i carrelli della
spesa, tanto che nello scorso anno il volume delle vendite al dettaglio è calato dell’1%.
Un caso emblematico è rappresentato dall’acquisto della pasta, simbolo della tradizione
gastronomica italiana. Le vendite hanno subito un calo del 10%.
Un altro dato da non sottovalutare, che emerge dallo studio di Confesercenti, è che nonostante
la progressiva affermazione dell’eCommerce, i negozi fisici continuano ad essere ancora il canale
d’acquisto preferito per sei delle nove categorie merceologiche prese in esame. Gli acquisti on line
prevalgono soltanto nei settori dei viaggi, elettronica e moda.
E se tantissimi negozi chiudono, se ne aprono sempre meno. Su questo punto, Confesercenti ha
avanzato le sue proposte a livello nazionale per provare ad invertire la tendenza, a favore della ripresa
dei consumi e per il sostegno di negozi e botteghe. Partendo da questo, Confesercenti Brindisi auspica
che anche gli Enti locali diano il loro contributo in termini di azioni positive. “Per contrastare il caro-
vita – ha dichiarato il Presidente Provinciale Michele Piccirillo – è necessario, così come indicato da
Confesercenti nazionale, dare attuazione velocemente alla delega fiscale, riducendo la pressione delle
imposte sulle famiglie. In particolare, sarebbe opportuno detassare gli aumenti contrattuali per il
prossimo biennio. Per sostenere le attività di vicinato, invece, è fondamentale introdurre misure
strutturali, con un pacchetto di formazione per gli imprenditori, sostegni all’innovazione, una fiscalità
di vantaggio per le piccole imprese della distribuzione con fatturato inferiore ai 400mila euro annui, e
la cedolare secca per le locazioni commerciali, subordinandone l’accesso alla concessione di un canone
concordato al locatario, verificata e garantita dalle associazioni di categoria. Invece, nei nostri territori,
sarebbe auspicabile che la Regione e gli Enti locali cogliessero questo momento di crisi del settore del
commercio, come confermato dai dati statistici, per attuare politiche di sostegno, finalizzate, ad
esempio, alla mitigazione delle imposte locali. Crediamo che sia arrivato il momento in cui tutti i
Comuni costruiscano azioni incentivanti affinché si combatta la desertificazione, incentivando, ad
esempio, azioni per migliorare il marketing territoriale e con esso il turismo. Le nostre città, i nostri
borghi di provincia possono essere notevoli attrattori potenziali”.

No Comments