April 15, 2024

Brundisium.net

Nota del commissario regionale di Forza Italia, l’on Mauro D’Attis.
“Il 28 giugno sarà una giornata storica per lo sviluppo della nostra Puglia: il ministro Carfagna, infatti, ha convocato alle ore 16.00, nella Prefettura di Brindisi, il tavolo istituzionale per l’approvazione e la sottoscrizione del Contratto Istituzionale di Sviluppo della costa adriatica. Saranno presenti tutti i sindaci dei Comuni del litorale adriatico delle province di Brindisi e Lecce (compresi i capoluoghi). Il ministro, quindi, è stato di parola e per la prima volta si procederà con uno strumento innovativo e strategico, in grado di dare un felice impulso all’economia della nostra Regione, con particolare riguardo allo sviluppo del turismo e della ricettività delle province di Brindisi e Lecce. Sarà, pertanto, un passaggio importante. Sono contento perché inizia ad emergere il lavoro svolto in questi mesi, rappresentando il territorio”.


Riccardo Rossi, sindaco di Brindisi:

“È ufficiale, un risultato inseguito dall’inizio del nostro mandato, è finalmente arrivato: il 28 giugno sottoscriveremo il Contratto di Sviluppo di Brindisi con il Ministro per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna.

Ci abbiamo creduto da subito, nonostante si siano succedute tre legislature differenti, non abbiamo mai desistito; Brindisi merita un contratto con il Governo per il rilancio della città e ora è realtà.

Abbiamo ottenuto come interventi immediatamente cantierabili: la riqualificazione dell’ex Collegio Tommaseo come Polo dell’Innovazione del Mare per un valore di 30 milioni di euro. Un complesso monumentale la cui ristrutturazione è imponente e che la città chiedeva da decenni, essendo stato un fiore all’occhiello della formazione, un simbolo di eccellenza per Brindisi che tornerà a splendere.

Abbiamo ottenuto 17,2 milioni di euro per la difesa del litorale dall’erosione della costa, compreso il tratto di falesia presente nella riserva naturale di Torre Guaceto; un altro intervento fondamentale per il futuro di Brindisi e per la valorizzazione del suo patrimonio naturale riconosciuto per la sua bellezza in tutto il mondo.

A questo si aggiungono 5 milioni di euro per il recupero di una prima parte dell’isola di Sant’Andrea, un altro luogo identitario della nostra città e di raccordo con il Castello Alfonsino.

Anche gli altri progetti presentati sono stati ritenuti ammissibili e potranno trovare finanziamento con ulteriori risorse che il Governo potrà reperire.

Questi tre anni hanno rappresentato una grande stagione di progettazione: con il Palaeventi, i fondi del PNRR e quelli CIS abbiamo ottenuto oltre 200 milioni di euro. Questo significa che nei prossimi anni la città di Brindisi cambierà volto e diventerà una delle più importanti città del Mediterraneo”, lo dichiara il sindaco Riccardo Rossi.

 

PD Brindisi:

La sottoscrizione del Contratto Istituzionale di Sviluppo della Costa Adriatica prevista per il 28 giugno prossimo presso la Prefettura di Brindisi alla presenza dei comuni interessati e della Ministra Carfagna, è una notizia davvero positiva. La nostra amministrazione comunale ha sempre creduto e “investito” nel Cis Brindisi-Lecce e fin dall’idea iniziale caldeggiata dall’allora Ministra Barbara Lezzi e sostenuta successivamente dal Ministro Peppe Provenzano e in ultimo dalla Ministra Mara Carfagna, si è lavorato affinché questo strumento potesse risultare concretamente una grande opportunità per tutto il territorio costiero adriatico a cavallo tra le province di Brindisi e Lecce, con i comuni capoluogo a fare da traino. L’importante traguardo raggiunto con la firma del contratto è sicuramente frutto del lavoro e del contributo di tutti: dai sindaci di Brindisi e di Lecce, Riccardo Rossi e Carlo Salvemini, ai sindaci dei comuni interessati delle due province che hanno saputo fare sintesi condividendo un percorso comune, e non scontato, per individuare proposte di visione e di sviluppo per i propri territori, al deputato Mauro D’Attis che ha costantemente sollecitato e collaborato utilizzando tutti gli strumenti parlamentari per la definizione del Contratto Istituzionale di Sviluppo della Costa Adriatica. Il valore dei progetti finanziati per Brindisi ossia la riqualificazione dell’ex Collegio Tommaseo per la realizzazione di un polo dell’innovazione del mare, il primo stralcio per il recupero e la valorizzazione della prima porzione dell’isola di Sant’Andrea per la realizzazione di attività ricettive, strutture per la difesa dall’erosione della costa brindisina che garantiranno il ripascimento naturale delle spiagge e la messa in sicurezza idro-geomorfologica dell’area di Torre Guaceto, ammonta a circa 52 milioni di euro e rappresentano opere senza precedenti.
È evidente che il lavoro di squadra ha dato i risultati sperati anche a dispetto di coloro i quali hanno quasi tifato per il fallimento di questo percorso complesso solo per mera speculazione politica. E neanche gli attacchi gratuiti e intempestivi di quanti si trasformano, per puro masochismo, nella testa d’ariete dei più disparati interessi ci distrarranno dagli obiettivi che ci siamo prefissati per il bene di Brindisi.
Ora però, con il Cis, anche Brindisi sarà a pieno titolo tra le città-obiettivo del Governo e avrà così l’occasione di vedersi riconosciuto il ruolo che merita e che le spetta.

 

Nota del presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Paride Mazzotta.

“La firma del Contratto Istituzionale di Sviluppo della costa adriatica delle province di Brindisi e Lecce, che si terrà il 28 giugno con il ministro Carfagna, è un risultato cruciale per il futuro del nostro territorio: è il frutto di un lavoro costante compiuto nei mesi scorsi e ci auguriamo che la Regione partecipi al finanziamento, anche in un momento successivo. Il CIS sarà un volano per la nostra economia, specie quella legata al turismo e alla ricettività, in grado di accelerare la crescita per l’intera regione. Il ministro Carfagna è stata di parola e sottoscrizione avverrà a giorni: una notizia che apprendiamo con profonda soddisfazione e avrà certamente una portata storica”.

 

Gruppo consiliare e segreteria cittadina Forza Italia Brindisi:
Il Contratto istituzionale di sviluppo consentirà di realizzare interventi che le amministrazioni comunali agognano da anni per il rilancio turistico dei territori di Lecce e Brindisi. Per comprendere l’importanza della notizia, basti pensare che per la provincia di Brindisi sono previsti inizialmente 66 milioni di euro, di cui 52 per il capoluogo che saranno utilizzati per il recupero dell’ex collegio Tommaseo inseguito per decenni, per interventi di protezione della costa dal fenomeno erosivo e di riqualificazione ambientale delle falesie di Torre Guaceto, per la valorizzazione dell’isola di Sant’Andrea. Opere che, come facilmente intuibile, sono in grado di imprimere una svolta allo sviluppo del territorio.
Un plauso va ai sindaci ed ai vari uffici che sono riusciti tempestivamente a mettere in piedi un portfolio di progetti che consentirà di traguardare concretamente l’obiettivo dello sviluppo turistico, anche perché nei prossimi anni il Cis permetterà di veicolare sui territori ulteriori risorse rispetto ai 184 milioni stanziati in questa prima fase.
Inutile nascondere, infine, la grande soddisfazione per un risultato a chiara firma Forza Italia, perché questo strumento, fermo su un binario morto da anni, non sarebbe mai stato riattivato senza lo straordinario lavoro svolto dal nostro parlamentare Mauro D’Attis e la sensibilità dimostrata dal ministro per il Sud Mara Carfagna. E non è un caso che il Cis Brindisi-Lecce sarà avviato proprio a Brindisi il 28 giugno prossimo alla presenza del ministro. È la dimostrazione che quando si lavora sinergicamente e con competenza, il territorio brindisino riacquista la centralità che merita.

Mail priva di virus. www.avast.com

No Comments