May 19, 2024

Brundisium.net

Non è più possibile restare chiusi. Necessaria la riapertura delle aziende. Il decalogo inviato da Confesercenti al Governo. Le valutazioni del presidente Antonio D’Amore “È giusto continuare a tutelare la salute dei cittadini, ma ora è anche necessario far ripartire le aziende dopo un lungo periodo di stop”. Così il presidente di Confesercenti Brindisi, Antonio D’Amore, commenta e sostiene la decisione di Confesercenti nazionale di inviare un dettagliato decalogo al Governo, dieci suggerimenti per riaprire in assoluta sicurezza, garantendo al contempo il diritto alla salute, primario e costituzionalmente garantito, e il riavvio delle attività economiche del Paese.

“Non è possibile continuare a stare fermi, pena la chiusura di centinaia di aziende e migliaia di posti di lavoro, con il conseguente crollo del sistema economico e sociale della provincia. Impossibile restare in piedi senza incassi, ma gravati da tasse e spese vive legate al mantenimento dei dipendenti ed al pagamento degli affitti e delle utenze dei locali. Da due mesi si brancola nel buio, l’unica cosa certa è che, almeno finché non ci sarà una soluzione definitiva, dovremo imparare a convivere con il Covid-19. Dovremo modificare le nostre abitudini cercando, però, di far ripartire le aziende del commercio, del turismo e dei servizi, consapevoli del fatto che, dopo quasi due mesi di chiusura, non è più possibile temporeggiare. I danni sarebbero irreparabili. I numeri nel territorio brindisino parlano chiaro e descrivono una situazione al limite, soprattutto nel settore turistico e nel settore moda”.

Di seguito il decalogo inviato al Governo, in 10 punti: 1. Certezze su date di apertura delle varie categorie e linee guida su aspetti sicurezza/sanitari: l’operatore deve avere tempo per organizzare e pianificare l’apertura conoscendo il contesto in cui dovrà muoversi (distanze, mascherine, ecc.). Indicazioni chiare, precise e realizzabili in tempi rapidi e senza esosi investimenti; 2. Suolo pubblico gratuito (o aumento di quello eventualmente già occupato) per i pubblici esercizi. La logica è di recuperare i posti che si perdono per effetto delle presumibili distanze che si renderanno necessarie ai fini della sicurezza. Ombrelloni o gazebo potrebbero permettere di ottenere buoni risultati in questo senso. Meteo permettendo, sarebbe una soluzione utile anche fino all’inizio della fase autunnale. L’operazione è semplice ed immediata e deve seguire una corsia emergenziale e non ordinaria: non va “burocratizzata”, con passaggi fra più uffici e rimpalli di responsabilità. Per pubblici esercizi e chioschi, seguendo idonee misure di sicurezza, riteniamo vada autorizzata da subito la vendita da asporto;
3. La cancellazione totale di una serie di imposte e tributi, da definire in tavoli di concertazione nazionale e locali. È illusorio ritenere che le imprese siano in grado di fare fronte a determinati costi con un semplice posticipo di pochi mesi rispetto alla naturale scadenza. In ambito locale, riteniamo si possa azzerare la tassa di occupazione del suolo pubblico per il 2020 e depennare TARI e IMU, almeno per il periodo di chiusura delle attività. In riferimento alla TARI, occorre tenere presente che la diminuzione della capienza dei locali comporterà una diminuzione di produzione di rifiuti pertanto è necessario rivedere, abbassandola, la tariffa nel suo insieme per tutta la durata dell’anno e di vigenza del distanziamento sociale. Chiediamo anche la riduzione degli affitti di immobili di proprietà pubblica, proporzionale al periodo di inoperosità; 4. Il posticipo al 31 dicembre di tutte le scadenze fiscali e tributarie, nazionali e locali che non dovessero essere cancellate. In questo caso il tributo dovrà essere dilazionato nelle successive due annualità; 5. L’estensione delle agevolazioni per i canoni di locazione, sia riguardo al numero dei mesi sia riguardo alle categorie catastali, e la possibilità di posticipare di un anno la scadenza del contratto; 6. Finanziamenti a lunga scadenza a tasso zero per liquidità immediata alle piccole e medie imprese. I primi riscontri avuti dal Decreto del Governo su questo tema appaiono lenti e macchinosi, più paragonabili a una “normale” richiesta di finanziamento che alla straordinarietà di questa fase; 7. In previsione di una graduale ripresa dei consumi e con la volontà di tornare ad impegnare tutto il personale nelle aziende, andrebbe previsto uno sgravio contributivo per il primo anno di attività dopo la riapertura; 8. Attivare, anche in sede locale, un tavolo operativo fra Istituti di credito, Amministrazioni Comunali e Associazioni di categoria per monitorare regolarmente le azioni intraprese ai fini di veicolare liquidità alle imprese; 9. Cantieri pubblici: chiedere deroga a Governo per semplificare e velocizzare appalti, che possono costituire una boccata d’ossigeno per l’economia locale; 10. Ragionare pensando al domani ed al ritorno ad un territorio “vivo”. Servono risorse, quindi, per organizzare la ripartenza.

CONFESERCENTI BRINDISI

No Comments