October 24, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Dal 1894 Touring Club Italiano si impegna per prendersi cura dell’Italia come bene comune perché sia più conosciuta, attrattiva, competitiva e accogliente. Lo fa anche grazie ai suoi soci volontari che, collaborando al progetto “Aperti per Voi”, garantiscono costantemente, tutto l’anno, l’accessibilità di siti culturali (musei, aree archeologiche, palazzi storici, chiese) altrimenti chiusi al pubblico. Donne e uomini che donano parte del proprio tempo libero per presidiare i luoghi, accogliere i visitatori, occuparsi dell’attività informativa e di orientamento.

Un impegno che, dopo i difficili mesi dell’emergenza sanitaria e del lockdown, è ancora più prezioso: oggi più che mai, infatti, prendersi cura delle bellezze del nostro Paese significa dare un contributo importante alla sua ripartenza. Per questo motivo Touring Club Italiano lancia una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi con numero solidale 45590 a sostegno del progetto “Aperti per Voi”, attiva fino al 27 settembre 2020.

I luoghi Aperti per Voi sono 84, sparsi in 34 città di 13 regioni. Dal 2005, anno di avvio dell’iniziativa, sono stati oltre 18.500.000 i visitatori, accolti da più di 2.200 volontari.

Tra questi siti c’è anche la cripta del Monumento al Marinaio d’Italia a Brindisi (via Duca degli Abruzzi), che domina il porto della città.
La cripta, base del Monumento, ha forma di scafo ed è arricchita da archi a ogiva, sulle pareti sono immortalati i nomi delle migliaia di marinai deceduti nel corso della Grande Guerra del secondo conflitto mondiale. La struttura custodisce due ancore appartenute alle navi austro ungariche “Tegetthoff” e “Viribus Unitis” (simbolo delle vittorie ottenute dalla Regia Marina d’Italia) e due cannoni appartenenti a sommergibili austro-ungarici. A destra e sinistra del “Timone” sono presenti alti muraglioni che riproducono le murate di una nave accessibili da due ampie scale simmetriche poste ai lati della cripta.
I volontari del Touring Club Italiano, con grande passione, si occupano dell’accoglienza del pubblico in questo suggestivo luogo due domeniche al mese, dalle ore 10 alle 13.

Grazie alla campagna di sostegno, il Touring Club Italiano potrà rendere di nuovo protagonisti e restituire a cittadini e turisti luoghi altrimenti destinati a essere dimenticati. Come? Coinvolgendo e formando nuovi volontari, collaborando continuativamente con gli enti proprietari, la cui partecipazione al progetto è fondamentale per garantire ogni giorno l’apertura in sicurezza di siti altrimenti inaccessibili. Inoltre organizzando concerti, visite guidate, mostre, incontri e letture, in una più ampia ottica di valorizzazione e conoscenza dei siti “adottati”.

Con “Aperti per Voi” il Touring Club Italiano vuole sensibilizzare all’esperienza di cittadinanza attiva, diffondendo la consapevolezza che il patrimonio storico e artistico del nostro Paese sia un bene comune e sia quindi compito di tutti prendersene cura.

 

Touring Club Italiano è un’associazione privata senza scopo di lucro che chiede ai suoi soci – destinatari e attori della missione – di essere protagonisti di un grande compito: prendersi cura dell’Italia come bene comune perché sia più conosciuta, attrattiva, competitiva e accogliente.
Per questo contribuisce a produrre conoscenza e a tutelare e valorizzare il paesaggio, il patrimonio artistico e culturale e le eccellenze economico produttive dei territori, attraverso il volontariato diffuso e una pratica turistica del viaggio etica, responsabile e sostenibile.
Fondato nel 1894, oggi il Touring Club Italiano si prende cura dell’Italia rendendo accessibili, con la collaborazione dei suoi volontari, oltre 80 luoghi di interesse artistico e culturale attraverso il progetto “Aperti per Voi”. Valorizza i borghi eccellenti dell’entroterra attraverso la certificazione Bandiere Arancioni: a oggi sono 247 i borghi che hanno ricevuto questo marchio di qualità. L’associazione si impegna inoltre per tutelare la memoria collettiva attraverso l’archivio documentale e fotografico.

No Comments