December 5, 2019

Print Friendly, PDF & Email

Lo scorso 9 febbraio una nostra delegazione ha incontrato il sindaco e alcuni componenti della giunta comunale per un confronto su questioni amministrative che riteniamo particolarmente importanti.
Rispolverando una nostra vecchia proposta, abbiamo rinnovato la richiesta di un censimento del patrimonio immobiliare comunale come condizione necessaria per attivare efficaci politiche di valorizzazione e utilizzo dei beni di proprietà del Comune, ma anche garanzia per la definizione di strategie amministrative efficaci e soprattutto trasparenti.
Sempre in tema di patrimonio comunale, abbiamo avanzato nuovamente la proposta di assegnare il locale dello Skate Park nel quartiere San Lorenzo ad associazioni giovanili che con le loro attività potrebbero rivitalizzare l’intera area, in linea con quanto previsto dal l’originario progetto di rigenerazione urbana che portò alla nascita dello stesso Skate Park. Il tempo passa e, nonostante siano state depositate quasi duecento firme con cui chiedevamo un bando pubblico per l’assegnazione di quel locale, le scelte effettuate dalla passata amministrazione e confermate dal Commissario prefettizio rischiano di trasformare quell’immobile nell’ennesimo rudere lasciato all’incuria, tanto da minare la reale efficacia dell’intero progetto di rigenerazione urbana.
Quindi la questione ambientale: da anni attendiamo che la discarica di C.da Feudo Inferiore venga messa in sicurezza e bonificata prima che sia troppo tardi e che il percolato inquini la falda. Abbiamo chiesto lumi circa i tempi della bonifica, per cui l’Ente ha ricevuto circa € 900.000, ed evidenziato come ogni ulteriore decisione debba essere presa limitando al massimo l’impatto ambientale. Auspichiamo che le operazioni di bonifica, ad oggi ancora non avviate, siano oggetto di costante monitoraggio, che nel più breve tempo possibile il sito possa riacquistare una nuova funzione per la comunità, e che non siano attivate più nuove discariche sul nostro territorio.
Infine, abbiamo ribadito la nostra posizione sull’asilo nido comunale, la stessa di quando, insieme alla CGIL e ad alcune parti politiche attualmente in maggioranza, ci mobilitammo contro l’esternalizzazione del servizio. Tra qualche mese si dovrà decidere sul futuro dell’asilo che ci auguriamo torni ad essere pubblico già dal prossimo settembre, pur salvaguardando gli attuali livelli occupazionali.

Segreteria politica
Partito della Rifondazione Comunista
Circolo di Francavilla Fontana

No Comments