September 22, 2019

Print Friendly, PDF & Email

Domani Sabato 13 luglio alle 20:30 il pubblico del Chiostro San Francesco accoglierà il filososo Umberto Galimberti, che presenterà il suo ultimo libro “La parola ai giovani. Dialogo con la generazione del nichilismo attivo”.
IL LIBRO: Nel 2007 Umberto Galimberti ha pubblicato un libro, L’ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani, in cui de-scriveva il disagio giovanile da imputare, a suo parere, non tanto alle crisi psicologiche a sfondo esistenziale che caratterizzano l’adolescenza e la giovinezza, quanto a una crisi da lui definita “culturale”, perché il futuro che la cultura di allora prospettava ai giovani non era una promessa, ma qualcosa di imprevedibile, incapace di retroagire come motivazione a sostegno del proprio impegno nella vita.
A distanza di anni cos’è cambiato di quell’atmosfera che Galimberti aveva definito “nichilista”? Non granché, fatta ec-cezione per una percentuale forse non piccola di giovani che sono passati dal nichilismo passivo della rassegnazione al nichilismo attivo di chi non misconosce e non rimuove l’atmosfera pesante del nichilismo senza scopo e senza perché, ma non si rassegna. E dopo un confronto serrato con la realtà, si promuove in tutte le direzioni, nel tentativo molto determinato di non spegnere i propri sogni.
La parola ai giovani raccoglie la voce di questi giovani, che hanno un gran bisogno di essere ascoltati per poter dire quelle cose che tacciono ai genitori e agli insegnanti, perché temono di conoscere già le risposte, che avvertono lontane dalle loro inquietudini, dalle loro ansie e dai loro problemi. E allora si affidano a un ascoltatore lontano, che prende a dialogare con loro, non per risolvere i loro problemi, ma per offrire un altro punto di vista che li faccia apparire meno drammatici e insolubili.
Umberto Galimberti, nato a Monza nel 1942, Filosofo, psicoanalista e docente universitario italiano. Compiuti gli studi di filosofia e psicologia, è attualmente professore ordinario di filosofia della storia presso l’Università di Venezia. Professore associato fino al 1999, precedentemente (dal 1976 al 1983) è stato professore incaricato di antropologia culturale. Dal 1985 è membro ordinario dell’International Association of Analytical Psychology. Allievo di Karl Jaspers durante alcuni soggiorni in Germania, ne ha tradotto in italiano le opere. Ha dedicato anche alcuni studi a Edmund Husserl e a Martin Heidegger. Dal 1995 collabora con il quotidiano «la Repubblica».
Tra le sue opere si ricordano: Heidegger, Jaspers e il tramonto dell’Occidente (1975), Psichiatria e fenomenologia (1977), Il corpo (1983), Dizionario di psicologia (1992), Psiche e tecne. L’uomo nell’età della tecnica (1998), Gli equivoci dell’anima (1999), Orme del sacro (2000), L’ospite inquietante (2007), Il segreto della domanda. Intorno alle cose umane e divine (2008), La morte dell’agire e il primato del fare nell’età della tecnica (2009), I miti del nostro tempo (2009), Cri-stianesimo (2012), La disposizione dell’amicizia e la possessione dell’amore (2016), La parola ai giovani. Dialogo con la generazione del nichilismo attivo (2018).
La serata sarà introdotta dal Sindaco di Ostuni, Guglielmo Cavallo e dal direttore scientifico, Luca Nolasco.
L’iniziativa è organizzata in collaborazione con le Associazioni Culturali del Forum della società Civile, con il Presidio del Libro di Ostuni e con il progetto lettura “Io sono una persona libro” del Liceo Classico “A. Calamo di Ostuni.
Tutti gli appuntamenti si svolgeranno nella suggestiva cornice del Chiostro di Palazzo San Francesco ed avranno i-nizio alle 20:30.
Il prossimo appuntamento è in programma Venerdì 19 luglio. Ospite della serata sarà Andrea Lucisano con uno spettacolo teatrale dedcato ai bambini dal titolo “La volpe Sophia: avventure tra il bosco e la realtà”.

Comune di Ostuni – Ufficio stampa

No Comments