May 29, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Sottovoce, perché i bimbi dormono, dall’altra parte del vetro, da questa parte del mondo, non più in grembo, ma ancora al sicuro.

Il reparto UTIN dell’Ospedale Perrino di Brindisi è il luogo che più si avvicina a quel posto dove si desiderano, pianificano e realizzano i miracoli. Non quelli chiassosi e pirotecnici del santo di turno ma quelli scientifici, meticolosi e umani del medico e del suo staff di turno, che hanno una manciata di ore per salvare una vita, finire ciò che mamma e papà avevano incominciato, che si è interrotto prima del tempo ma non rotto, solo sospeso.

Affidarsi alle mani di altre donne e uomini quando un bambino nasce prematuro è difficile, quasi straziante. Sai che le tue mani al massimo riescono a guidare nel cuore della notte con il cuore in gola e a scrivere due righe di ringraziamento, lo speri ma non ci credi che le mani di estranei in camici stropicciati possano sostituirsi alla mamma, compiere tutto ciò che ancora non si era compiuto e restituirci nostro figlio.

“È stato forte!”, “Ha tenuto duro!”. Ha lottato, con tutti i suoi pochi grammi disponibili, ma sono certo che l’ha fatto perché era circondato da persone che hanno la luce della scienza e sono davvero una forza della natura.

 

Grazie, da due genitori che non lo sarebbero senza di Voi.

No Comments