November 28, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Prosegue l’attività di controllo lungo la filiera della pesca da parte della Capitaneria di Porto di Brindisi, finalizzata a prevenire e scoraggiare la commercializzazione di prodotti ittici di dubbia provenienza.

Nella mattinata odierna, nel corso di una generale attività di controllo, all’interno di un noto e rinomato ristorante del capoluogo, i militari della Sezione Polizia Marittima della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Brindisi, hanno rinvenuto, in un’area del locale, un consistente quantitativo di frutti di mare (ostriche e cozze nere), privi di qualsiasi documento che ne attestasse la provenienza e quindi la tracciabilità, che di lì a poco sarebbero stati serviti sulle tavole di ignari clienti. Al fine di accertare e certificare la provenienza dei prodotti, i mitili devono essere etichettati e tracciati e, oltretutto, devono obbligatoriamente transitare da centri ittici specializzati dove vengono puntualmente esperiti controlli chimico-batteriologici sui prodotti approvvigionati e sulle acque utilizzate per la depurazione.

Oltre al sequestro amministrativo del pescato, che è stato distrutto in presenza della parte, al trasgressore è stata comminata una sanzione amministrativa per un importo di € 4.500 euro in applicazione del Decreto L.vo n. 04 del 09 gennaio 2012, così come modificato dalla Legge 154/2016 del 28 luglio 2016.

Si coglie l’occasione per ribadire che i prodotti ittici privi di tracciabilità, spesso provenienti dalla pesca illegale, non forniscono alcuna garanzia circa provenienza e modalità di conservazione, pertanto, il loro consumo può provocare gravi problematiche di carattere igienico-sanitario.

Per qualsiasi segnalazione si ricorda che sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il numero di centralino della Sala Operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica so.cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530.

 

Capitaneria di Porto di Brindisi 

No Comments