January 17, 2021

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

“Sono soddisfatto per l’impegno della Asl nell’attività di indagine sanitaria sugli ospiti del dormitorio, dopo l’attività di sanificazione e pulizia effettuata nei giorni scorsi dal Comune. Conto sul fatto che tutti gli ospiti preferiscano collaborare con l’Autorità sanitaria, perché la vita nei dormitori, in strutture per lungodegenti e nelle Rsa obbligano al monitoraggio per evitare la formazione di focolai”.

 

Lo dichiara il Consigliere regionale Fabiano Amati, commentando l’avvio odierno delle attività di screening nel dormitorio di Brindisi.

 

“Mi congratulo con il Comune di Brindisi per aver accolto – pur con qualche normale tono polemico – la richiesta di occuparsi di questo problema e con la Asl per aver voluto dedicare una importante attenzione a un luogo di vita comune molto esposto alla diffusione del contagio da Covid.

 

Spero di non dover mai più riprendere l’argomento e che, con il ritorno alla vita ordinaria, il dormitorio non venga più ridotto nelle condizioni igienico-sanitarie in cui si presentava prima degli interventi effettuati negli ultimi giorni”.

 

/com

No Comments