February 17, 2020

Print Friendly, PDF & Email

Si svolta nella mattinata del 27 settembre nella cripta del Monumento Nazionale al Marinaio D’Italia in Brindisi, quale grande emblema della Marina Militare Italiana, la cerimonia commemorativa in memoria dell’affondamento della nave corazzata della Regia Marina Italiana avvenuta nel 1915 durante la grande guerra dove persero la vita 456 uomini su 943 di tutto l’equipaggio.

Il Pres. di AssoArma il Gen. Giuseppe Genchi ha voluto fortemente portare avanti questa iniziativa in memoria e onore di questi uomini che hanno sacrificato la loro vita per la patria.

 

La cerimonia si è svolta alla presenza dei rappresentanti delle autorità militari, civili e religiose, oltre alle Associazioni appartenenti ad AssoArma, iniziando con l’accensione della fiamma votiva nel piazzale antistante il Monumento, e a seguire con la deposizione di una corona di alloro all’interno della Cripta, in onore dei Marinai scomparsi in mare. Poi l’intervento del giornalista e storico Giancarlo Sacrestano, che ha raccontato con alto sentimento il tragico evento, e subito dopo una SS. Messa scandita con dei suoni di campana appartenente proprio alla nave affondata, con la lettura della preghiera del Marinaio.

In rappresentanza del Sindaco c’è stato l’intervento dell’Ass. Comunale l’Avv. Masiello che ha rimarcato la sensibilità della cittadinanza a favore dei superstiti di quell’evento sino al grande esodo del popolo Albanese del 1991 e altri ancora. Non poteva mancare di esimersi dal ringraziare i presenti il Pres. di Assoarma Gen. GENGHI.

Infine, imbarcati a bordo di una barca si è giunti nel porto medio, sul luogo dove avvenne l’affondamento della nave Benedetto Brin per la deposizione di una corona di fiori in memoria dei caduti.

No Comments