November 13, 2018



Print Friendly, PDF & Email

Quando lo incrociavano per strada, le donne anziane di Ceglie Messapica si facevano il segno di croce, in segno di rispetto: pensavano fosse un missionario. Vinod Sookar invece ha lasciato la sua terra per amore. E’ nato e cresciuto a Mauritius, dove ha studiato alla scuola alberghiera e lavorato in diversi ristoranti e pizzerie.

Da tempo voleva emigrare, uscire dai confini dell’isola. Nel 1996 ha conosciuto una cuoca italiana, Antonella Ricci, approdata a Mauritius per uno scambio internazionale fra cuochi. Galeotta fu la cucina, dove è scoppiato l’idillio che ha portato Vinod a seguire Antonella fino a Ceglie Messapica, capitale gastronomica della Puglia, in provincia di Brindisi.

Vent’anni dopo, Vinod e Antonella (entrambi cuochi stellati) hanno due figlie, lavorano insieme nel ristorante della famiglia Ricci ed hanno vinto le diffidenze della gente nei confronti dello straniero. Lui è uno dei 7.000 mauriziani che vivono in Italia.

La vita di #chefvinod con #ilmondonelpiatto verrà raccontato su Raitre venerdì 26 maggio ore 23,10. Vinod guida il conduttore di Radici, Davide Demichelis, alla scoperta dei luoghi meno conosciuti della sua isola: dalle spiagge incantate, ai villaggi dell’entroterra, dove vivono i mauriziani. E dov’è cresciuto lui, con la sua famiglia. Il viaggio si snoda fra i due mondi di Vinod, Mauritius e la Puglia, con una particolare attenzione alle cucine: fra i ristoranti dove ha lavorato, la mamma che ancora oggi gli insegna come preparare il faratà (la piadina mauriziana) e il suo ristorante di Ceglie Messapica. Vinod ha introdotto un pizzico delle sue spezie e i gusti afroasiatici di Mauritius anche nella cucina pugliese.

Radici è un progetto realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Interno e cofinanziato dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione

RADICI, l’altra faccia dell’immigrazione di Davide Demichelis
con la collaborazione di Alessandro Rocca
consulente Francesco Cavalli
produttore esecutivo Maria Iva Casanova

No Comments