July 17, 2019

Print Friendly, PDF & Email

Jesi-Mesagne 2-3 (19-25, 25-12, 25-17, 14-25, 9-15).

Pieralisi Pan Jesi: Baldoni M. 3, Milletti, Gasparroni 22, Giulietti, Baldoni S., Angelini 3, Pistocchi 21, Viscito 7, Pomili 3, Coppari 1, Marcelloni 8, Cecconi (L). All. Sabbatini.
Appia Project Mesagne: Malerba, Abbracciavento 3, Iacca 5, Escher 14, Demilito, Carbone 12, Liguori 10, Albanese 2, Lapenna, Cristofaro 16, De Paola, Galuppi (L). All. Giunta.

Serviva una vittoria per rialzare la testa e smuovere la classifica: le gialloblu si presentano a Jesi con l’imperativo di fare risultato in uno scontro diretto contro una concorrente per la salvezza. Alla fine, dopo cinque set appassionanti e combattuti, Mesagne torna a casa con due punti fondamentali per chiudere bene l’anno solare e per rimettersi in carreggiata dopo un periodo buio.

Mr. Giunta schiera il sestetto base con Abbracciavento al palleggio, Liguori opposto, Cristofaro (k) ed Escher laterali, Iacca e Carbone centrali, Galuppi libero.

L’inizio è tutto di marca gialloblu: Mesagne spinge forte sull’acceleratore sfruttando un buon livello di servizio ed un’ottima correlazione muro-difesa. Già nei primissimi punti, infatti, le messapiche piazzano un break di 4 punti (4-8) che riescono a difendere per tutto il parziale. Sul finale di set, le ospiti allungano ancora e chiudono sul 19-25 un set senza storia.

Nel secondo gioco, le padrone di casa hanno una reazione d’orgoglio veemente che sorprende le gialloblu (9-1). Nonostante un tentativo di rimonta a metà set, il gap è troppo profondo per poter rientrare in gioco e Jesi pareggia i conti (25-12).

Lo stesso copione, se pur con toni più equilibrati, si ripete nel terzo parziale. Si viaggia punto a punto fino al giro di boa del set, quando le marchigiane allungano sfruttando una migliore gestione dell’errore, guadagnando il primo punto di giornata (25-17).

Nel quarto set si assiste ad un deciso ritorno delle ragazze di coach Giunta. Quello gialloblu è un monologo, fatto di aggressività difensiva e attenzione in attacco. Si chiude sul 14-25 grazie ad una bella performance di squadra che regala il tiebreak alle mesagnesi.

L’inerzia della gara, adesso, è tutta a favore dell’Appia, che allunga subito in maniera netta sull’1-6. Jesi è incapace di contenere le manovre ospiti e Mesagne giunge al cambio campo sul 2-8. Ormai il match è indirizzato e le messapiche chiudono meritatamente sul 9-15 grazie ad una bella “pipe” di capitan Cristofaro.

Doveva essere vittoria e vittoria è stata. Le ragazze del presidente Sportelli gettano il cuore oltre l’ostacolo e si rimettono in marcia in una lotta salvezza molto complessa, che coinvolge almeno 6 formazioni. Buona la prova di squadra del Mesagne, a parte il blackout del secondo set, che ha dimostrato come questo gruppo possa prendere punti su ogni campo. Ottima la reazione emotiva della compagine messapica, nella quale si segnalano le prestazioni di Carbone (12 punti e +8 complessivo), Escher (molto equilibrata tra attacco e ricezione) e Liguori (40% di efficacia in attacco).

“Abbiamo giocato una partita grintosa”, esordisce mr. Giunta. “Abbiamo messo il carattere in campo come ci era riuscito poche volte in questa stagione. Finalmente abbiamo mosso la classifica e sono certo che questa prestazione ci aiuterà a lavorare con maggiore serenità. Mi auguro che le ragazze abbiano trovato il giusto equilibrio e che possano giocare, da qui in avanti, un campionato più tranquillo, all’altezza del loro valore”.

MAURO POCI

No Comments