December 8, 2019

Print Friendly, PDF & Email

“Nuova Vita Forense” è il movimento costituito dalle associazioni forensi tra le maggiormente rappresentative della provincia di Brindisi, ossia Camera Civile di Brindisi, Associazione Forense “L’Alternativa” e Camera Minorile di Brindisi, ed è stato reso oggetto di un velenoso ed indecoroso attacco su iniziativa del “fu” presidente uscente del C.O.A.
In vista dell’improcrastinabile rinnovamento del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati presso il Tribunale di Brindisi e in applicazione delle regole imposte dalla legge professionale, interpretate dalle Sezioni Unite della Suprema Corte con sentenza n. 32781 del 13.12.2018 e dalla Corte Costituzionale, strumentalmente investita della questione di legittimità costituzionale dal CNF, “Nuova Vita Forense” si propone di realizzare, con il candidato Presidente, Avv. Daniela Faggiano, e con i candidati consiglieri, Avv. Marcello Biscosi, Avv. Luigia Cassone, Avv. Giacomo Cervellera, Avv. Roberta De Castro, Avv. Felice Grassi, Avv. Oreste Marzo, Avv. Francesco Orlandino, Avv. Daniela Passaro e Avv. Giuseppina Santomanco, l’attuazione del programma qui di seguito delineato :

1) TRASPARENZA :

a) comunicazione di tutte le attività e le delibere del COA,nei limiti della privacy, e pubblicazione dei rendiconti della Fondazione, dell’Organismo di Mediazione e del Comitato Pari Opportunità;

b) rotazione nelle cariche dei componenti del Consiglio Direttivo della Fondazione, dell’Organismo di Mediazione e del Comitato Pari Opportunità (C.P.O.) e della Fondazione, da eleggersi dall’assemblea e non più nominati dal COA;

c) rotazione nelle assegnazioni degli incarichi da parte delle Autorità Giudiziarie e degli Enti Pubblici del territorio;

d) istituzione e controllo di un albo per la pubblicazione dell’elenco dei mediatori, arbitri, curatori, tutori di minori e minori stranieri.

2) FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE E DEGLI ORGANISMI DELL’ORDINE:

a) apertura della segreteria dal lunedì al venerdì;

b) istituzione dello “Sportello di ascolto per l’Avvocato”;

c) istituzione dello “Sportello del cittadino”, in attuazione della legge professionale;

d) istituzione della “Commissione famiglia”;

e) individuazione di più referenti del Consiglio dell’Ordine per i rapporti con gli Uffici Giudiziari, le cancellerie e l’UNEP;

f) libera utilizzazione della sala della biblioteca dell’Ordine da parte di tutte le associazioni forensi territoriali;

g) costituzione Camera Arbitrale degli Avvocati di Brindisi, promuovendo l’arbitrato come processo alternativo a quello ordinario, mediante la costituzione di uno sportello di supporto presso il COA;

h) costituzione di un Osservatorio civile e di un Osservatorio penale permanente sull’esercizio della giurisdizione (art. 2, co. 2, Regolamento CNF 4/2013) coinvolgendo anche il personale delle cancellerie, al fine di favorire un dialogo proficuo con gli uffici giudiziari del Circondario, anche per il rispetto dei parametri forensi nella liquidazione delle competenze;

i) incontri periodici, a cadenza fissa, per monitorare l’esercizio delle attività giurisdizionali, previo confronto con gli iscritti, anche nelle forme assembleari;

j) costituzione di un Comitato di sorveglianza paritetico, composto da consiglieri-iscritti- rappresentanti degli enti privati e pubblici per vigilare sulla correttezza delle procedure di affidamento degli incarichi legali e per favorire la rotazione dei medesimi;

k) garantire una concreta ed effettiva operatività delle Commissioni consiliari, delegando ad esse funzioni consultive, conoscitive ed istruttorie per materia o aree tematiche, in applicazione dell’art. 32 dell’Ordinamento forense, curandone la composizione, ampliata nel rispetto del criterio e dei principi dell’equilibrio di genere e delle minoranze rappresentative;

3) RIDUZIONE DEI COSTI PER GLI ISCRITTI:

a) riduzione della quota di iscrizione all’Albo mediante razionalizzazione delle risorse disponibili;

b) contenimento della tassa di opinamento per i pareri di congruità;

e) gratuità della richiesta di accesso al Gratuito Patrocinio, in adeguamento alla prassi di altri Ordini;
f) sportello permanente per le emergenze operative del PCT e predisposizione di rete wi-fi nel Palazzo di Giustizia;

g) potenziamento delle risorse bibliotecarie, anche attraverso il completamento della loro informatizzazione e digitalizzazione, soprattutto a supporto dei giovani Avvocati;

h) estensione del servizio per il reperimento dei dati anagrafici in convenzione con i Comuni;

i) istituzione di una Commissione di giovani Avvocati per attivare servizi a sostegno degli iscritti under 45;

j) avviare con gli ordini e le associazioni forensi la revisione del sistema di contribuzione previdenziale, informato ai principi di progressività e proporzionalità, in ragione del reddito del singolo iscritto;

k) azione incisiva su Cassa Forense e accesso ai Fondi europei mediante progetti da realizzarsi con gli iscritti di cui al punto n.8;

l) costituzione del Fondo Ordine degli Avvocati a beneficio degli iscritti in situazioni di difficoltà, finanziato mediante conferimento di quota parte dell’attuale contributo annuale di iscrizione all’Ordine;

m) individuare prassi condivise tra Consiglio dell’Ordine e uffici giudiziari del distretto di Corte di Appello per la liquidazione dei compensi dei difensori delle persone ammesse al beneficio e monitorare, attraverso l’istituzione di una commissione, la fase conseguente all’emissione della fattura elettronica;

4) PROTOCOLLI CON GLI UFFICI GIUDIZIARI PER AGEVOLARE L’ATTIVITA’ FORENSE concordando:

a) ratifica della convenzione del CNF relativa al gratuito patrocinio civile;

b) orari e calendari degli Uffici Giudiziari;

c) razionalizzazione e ottimizzazione nello svolgimento delle udienze, specialmente civili, con l’adozione di fasce orarie;

d) programmazione dei rinvii delle udienze con tempestiva comunicazione.

5) COORDINAMENTO tra CONSIGLIO DELL’ORDINE, ASSOCIAZIONI e ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMAZIONE:

a) istituzione di una Consulta permanente con le associazioni forensi, anche di carattere internazionale, assumendo iniziative che coinvolgano anche gli avvocati comunitari, al fine di garantire una maggiore qualità della formazione forense e organizzando eventi culturali che favoriscano le relazioni fra Colleghi;

b) calendarizzazione degli eventi formativi, in modo da evitare la sovrapposizione dei corsi di aggiornamento professionale e incentivare l’attività di aggiornamento mediante autoaggiornamento ovvero favorire attività seminariali di studio autogestite dai partecipanti.
c) sensibilizzazione dei cittadini e degli alunni sui temi della giustizia e della legalità mediante iniziative da realizzare in collaborazione con le scuole del territorio e le Università;

d) valorizzazione dell’operato del Comitato Pari Opportunità quale strumento di concreta promozione dei principi di uguaglianza.

6) BADGE DI ACCESSO

Distribuzione a tutti gli iscritti del badge di accesso al Tribunale dall’ingresso laterale.

7) ORGANISMO DI COMPOSIZIONE DELLE CRISI

Istituzione dell’Organismo di Composizione delle Crisi.

8) PARTECIPAZIONE AI PON E AI PROGETTI EUROPEI

Istituzione di uno Sportello per consentire informazioni per la partecipazione finalizzata alla diffusione della cultura della legalità con la collaborazione di giovani praticanti e nuovi Avvocati.

No Comments