January 22, 2020

Print Friendly, PDF & Email

La Fenailp invita il sindaco e l’amministrazione comunale a non modificare gli orari del regolamento riguardante l’inquinamento sonoro.
Si fa riferimento in particolare ad una priorità del Forum della Società Civile che è quella di ridurre drasticamente i rumori, in particolar modo nel Centro Storico di Ostuni.
In proposito già da molto tempo il rappresentante dei locali pubblici di bar e ristorazione, Cosimo Lubes non ha più partecipato alle riunioni, proprio perché non condivideva la linea adottata e, inoltre oltretutto, non si affrontano nemmeno molti punti importanti per il turismo e le piccole e medie imprese. In proposito, è assurdo ridurre gli orari che riguardano l’inquinamento acustico, sarebbe tornare molto indietro nel tempo quando ancora il turismo nemmeno affiorava nel Centro Storico e non solo.
Infatti, se la nostra città si ritiene a vocazione turistica che ha portato lustro negli anni valorizzando il nostro territorio, dovrebbe soprassedere almeno in minima parte ad alcune limitazioni, se poi si vuole trasformare il tutto in un centro spirituale allora i locali pubblici li trasformiamo in conventi.
In riferimento alle liberalizzazioni, per le quali il Comune di Ostuni si è adeguato senza che sia stata inserita alcuna tipologia di salvaguardia che va oltre le attività esistenti e le relative professionalità, argomento che anche se suggerito a suo tempo, non è mai stato preso in considerazione, si richiede un ulteriore incontro per mettere in atto tutti i meccanismi di salvaguardia necessari, regole e strumenti che lo stesso Stato mette a disposizione.

Ostuni, 30 agosto 2019

UFFICIO STAMPA FENAILP OSTUNI

No Comments