February 24, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Ieri, 12 febbraio 2020, gli agenti della Sezione Volanti della Questura di Brindisi hanno tratto in arresto il quarantatreenne S.G., resosi responsabile di maltrattamenti in famiglia, percosse e lesioni nei confronti degli anziani genitori.

Alle ore 22.00 circa, giungeva alla Sala Operativa una richiesta di intervento di una anziana signora che segnalava un una lite in corso all’interno dell’appartamento tra suo marito, di anni 84, ed il figlio, in regime di arresti domiciliari per furto dal giorno precedente.

Intervenuti sul posto si accertava come, a seguito del litigio con il figlio, il marito avesse subito delle lesioni e si era allontanato da casa per chiedere soccorso in Questura: difatti, contestualmente l’uomo giungeva in Questura e veniva assistito dal personale presente.

A causa delle evidenti ecchimosi mostrate dall’anziano veniva richiesto intervento di un’autoambulanza che trasportava il malcapitato presso il locale nosocomio per le cure del caso.

Contemporaneamente, l’equipaggio intervenuto presso il domicilio dell’arrestato tentava vanamente di tranquillizzare il figlio aggressore, che, anzi, assumeva atteggiamento esagitato e conflittuale con gli intervenuti, tanto da indurli a richiedere l’ausilio di un’ulteriore unità operativa.
L’uomo, comunque, non moderava il proprio atteggiamento neanche con la presenza della seconda pattuglia, ponendosi in conflitto diretto con gli operatori.

Considerata la progressione della conflittualità assunta, nonché la gravità di quanto avvenuto in danno di un familiare convivente caratterizzato da particolare fragilità e minorata possibilità di difesa connessa all’età anagrafica ed ai documentati gravi problemi di salute, nonché manifestata dalla personalità dell’arrestato, gravato da pregiudizi per delitti contro la persona, il patrimonio, la legislazione sulle armi, già in regime di arresti domiciliari in corso di esecuzione presso la casa familiare, il reo veniva dichiarato in arresto ed accompagnato presso la locale Casa Circondariale.

No Comments