April 6, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Ancora una volta sono i lavoratori l’anello più debole della catena e pagano le conseguenze di una totale mancanza di garanzie. L’ultimo episodio ci è stato segnalato dai dipendenti di due associazioni temporanee di imprese presenti nel Petrolchimico. Tali aziende – tutte provenienti da altri territori – hanno disatteso gli impegni assunti nel corso di un incontro svoltosi in Prefettura l’1 ottobre 2019 e quindi a nove lavoratori non è stato rinnovato il contratto e adesso si trovano senza alcuna garanzia.

L’aspetto ancora più grave è che la grande committenza (nel caso specifico la Versalis ed Eni Rewind) non ha mosso un dito per risolvere il problema e non ha neanche partecipato all’incontro richiesto dalla Uil (anche attraverso il sindacato di categoria degli edili Feneal).

Una ragione in più per chiedere che la vertenza torni sui tavoli della Prefettura per definire una volta per tutte i criteri di assegnazione delle commesse che, sulla base di quanto si verifica periodicamente, rischiano di risultare assai discutibili e certamente privi di reali garanzie per i lavoratori.

 

Mauro Vizzino – Presidente Commissione Ambiente della Regione Puglia

No Comments