November 26, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Questa mattina, il gruppo “Partite iva” di Brindisi ha incontrato il Sindaco Rossi e l’Assessore alle Politiche per lo Sviluppo Oreste Pinto.

Ai rappresentanti dell’Amministrazione sono state consegnate simbolicamente le chiavi della città e sono state presentate le seguenti proposte:

 

ATTUAZIONE REGIONALE:
1- Costituzione “Fondo di solidarietà Regionale”.
Niente prestiti alle imprese ma aiuti a fondo perduto per le aziende colpite maggiormente dal covid 19 ,(dando la possibilità con l ‘ erogazione di tali importi di provvedere alle spese vive sostenute dalle aziende chiuse o che hanno avuto un fatturato con perdite fino al 33% rispetto il trimestre precedente). Chiediamo che il comune si faccia portavoce alla regione di tale richiesta.

2- Abolizione e non POSTICIPAZIONE di tasse regionali, per il periodo “covid-19” o previsione di diverse forme di pagamento in base alle attività e al loro periodo di chiusura.

 

ATTUAZIONE COMUNALE:
1- Campagna di sensibilizzazione contro coloro i quali svolgono lavori senza rispettare le prescrizioni e i dovuti dispositivi di sicurezza diventando possibili “portatori” di virus.
2- Costituzione del brand “Made in Brindisi”, attraverso, anche , la realizzazione di una piattaforma o app, che unisca le diverse attività del territorio con l’amministrazione locale e il consumatore finale , pubblicizzando e valorizzando le aziende del territorio che parteciperanno all’ iniziativa , premiando , applicando sconti , il consumatore finale che finalmente deciderà di spendere nella propria città .
3- Utilizzo di una parte dei tabelloni presenti in città da destinare GRATUITAMENTE almeno 12 mesi per pubblicizzare tutte le attività brindisine.
4- Abolizione tasse comunali, per il periodo “covid-19” o previsione di diverse forme di pagamento in base alle attività e al loro periodo di chiusura.
5- Abolizione o riduzione delle tariffe dei parcheggi e incremento dei bus navette, con la possibilità dei commercianti, impiegati e professionisti di utilizzare i parcheggi esterni di Brindisi city, via spalato con bus navette gratuite.
6- Revoca della delibera n.1 del 09.01.2020 .
7- Libera occupazione del suolo pubblico per facilitare la vendita all ‘ esterno dei locali commerciali , o occupazione del suolo pubblico raddoppiato in base agli importi pagati l’anno precedente.
8- Snellire e velocizzare la macchina burocratica per le concessioni e non solo.
9- Riduzione Imu e pagamento rateizzato nel 2021 per i proprietari di immobili , locali ad uso commerciale che praticano la riduzione del 50% del canone di affitto per il periodo da Marzo a Dicembre 2020.
10- Abolizione della tari, o rinvio del pagamento nel 2021 , con l ‘ esclusione della tassa per i periodi di chiusura.
11- Rivedere e rivalutare l’apertura dei corsi.
12- Creazione di un organismo di raccordo , (che non preveda emolumenti o gettoni di presenza) tra amministrazione , associazioni di categoria , associazione a difesa dei consumatori e gruppo p.iva , stilando un calendario di incontri con cadenza mensile e auspicando un primo incontro per il prossimo 18 maggio 2020.

 

Non intendiamo sacrificare a causa del corona virus, le nostre aziende, il nostro territorio, e neanche la nostra libertà e la nostra democrazia.
Dobbiamo impedire la desertificazione del nostro sistema produttivo.

 

Oggi 4 maggio 2020 consegnando questa chiave , simbolicamente cediamo le nostre attività al comune di Brindisi.

 

I portavoce Francesca e Stefano Scatigno

No Comments