July 15, 2024

Brundisium.net

A tanti cittadini l’attuale batti e ribatti fra il Sindaco , Assessori, Consiglieri Comunali e Partiti di maggioranza sulla dinamiche del poltronificio, sarà apparsa una storia godibilissima, che non ha niente da invidiare alle migliori trame della commedia d’autore.

Una disputa senza alcun rapporto con la realtà, con la vita dei cittadini, ideale per catturare l’attenzione dell’opinione pubblica, che si è dipanata nella riproposizione del collaudato tormentone politico delle tante dichiarazioni stampa, riunioni, dibattiti fra di loro, funzionali solo ad essere riconosciuti, ad essere visibili, per ritagliarsi uno spazio, totalmente affrancati dal dolore delle tante emergenze di una popolazione, che ormai vive momenti di angoscia per la loro incapacità di maggioranza di governo della città, di elaborare risposte efficaci, di tracciare una direzione di marcia per uscire dal pantano di una crisi che da tempo strangola il territorio e la vita di molte famiglie, che faticano a pagare l’affitto, le bollette, i tributi, che per alimentarsi hanno a disposizione somme irrisorie, che in molti casi non riescono a procurarsi i prodotti di prima necessità.

Nessuna riflessione sui provvedimenti da adottare con urgenza per evitare il disastro, come, con quale progetto, in quanto tempo mettere riparo ai servizi scadenti, al livello di disoccupazione, alla crescente povertà, al degrado dei quartieri, alla desertificazione del centro urbano, alla crisi del commercio, dell’artigianato e dell’industria, alle partecipate, alle sofferenze della mobilità urbana, al livello esagerato delle tasse e delle imposte, alla crescente emigrazione, che fotografa una città invecchiata, per la fuga di tantissimi giovani, costretti ad andare altrove, lontano dalla propria famiglia, dai propri affetti e dalla propria città, per trovare un lavoro ed un progetto di vita.
E come potevano farlo? Avrebbero dovuto riconoscere la propria incapacità, le loro gravi responsabilità. Che non ce la fanno.
Allora gli risulta sempre più facile cercare addossare tutta la colpa a chi è estraneo, che non c’ entra niente, che oggi può essere chi c’era prima di loro, la regione, ma domani potrebbe essere Putin o Peter Pan . Tanto hanno dimostrato che non c’è limite alla loro fantasia.
In questo modo pensano di confondere i cittadini, cercando di distorcere fatti e responsabilità, nel tentativo di distorcere la realtà, di anestetizzare la loro capacità di riconocere chi non ci sa fare.

Sono già passati quindici giorni è tutto e fermo alla soluzione della distribuzione matematica delle poltrone, che risulta l’unico argomento che riesce a catturare la loro attenzione e il loro impegno.

Non credo che ci sia più tempo per i soliti giochetti, perché su questa città, sui giovani, sul suo futuro, credo che si debba riservare un impegno più ampio della solita demagogia, che sono soliti propinare.

Se, come dicono, sono capaci, ma su questo ci sono molti dubbi, dovrebbero uscire all’aperto, tornare in consiglio comunale e dire alla città chi sono, cosa hanno fatto realmente in questo anno di governo della città, cosa vogliono fare, con quale programma, in quanto tempo, cosa sanno effettivamente fare oltre a litigare per le poltrone.

Auguri ai cittadini di Brindisi, che spero non si facciano ingannare dalle apparenze, perché in gioco non c’è solo il loro portafoglio, avvilito dall’inflazione, dai rincari esagerati, dalle tasse e dalle imposte, ma anche la loro vita e il futuro dei propri figli.
In verità a me, questa cortina fumogena, procura solo grande tristezza.

Vincenzo Albano

No Comments