June 15, 2024

Brundisium.net

Nota del Consigliere regionale del PD, Maurizio Bruno Presidente del Comitato regionale permanente della Protezione civile.
“In questi mesi difficilissimi le province di Brindisi e Bari hanno potuto contare su un enorme supporto, quello del progetto ‘Covid a casa’, che ha permesso alle relative Asl di seguire, monitorare e supportare da remoto migliaia e migliaia di positivi dalle proprie abitazioni.
Questa mattina nella Centrale Operativa della Protezione Civile a Modugno ho personalmente potuto vedere all’opera questi straordinari ragazzi e ragazze.
Professionisti che, con un team di medici, da mesi garantiscono assistenza domiciliare a distanza ai cittadini contagiati, raccogliendo giorno per giorno i loro parametri e interfacciandosi in base all’evoluzione della malattia con i rispettivi medici di base, le Usca o il 118.
Il progetto ha però una scadenza, quella del 31 dicembre prossimo. Il problema è che sia in Europa sia in Italia i contagi, con l’ingresso nelle stagioni più fredde, stanno riprendendo vigore. E mi chiedo se sia davvero la scelta migliore smantellare un progetto che monitora e assiste i contagiati, proprio nel momento in cui di contagiati potremmo nuovamente averne migliaia ogni giorno.
Non solo, dei dieci medici che all’inizio hanno partecipato al progetto, a oggi ne sono rimasti solo due, dal momento che gli altri sono stati giustamente assorbiti presso le varie strutture ospedaliere sparse nel territorio e di questi due, già da questa settimana ne resterà soltanto uno. Che a sua volta lascerà il progetto a fine novembre.
Insomma, nel mese di dicembre, nel periodo di maggiore rischio ondata, rischiamo di trovarci senza un sostegno fondamentale per il monitoraggio e l’assistenza domiciliare dei contagiati. Per questo già nelle prossime ore mi adopererò per sollevare la questione al Dipartimento Prevenzione e a chiunque possa intervenire affinché un progetto così delicato e importante non paradossalmente smantellato proprio nel momento di maggior bisogno”.

/comunicato

No Comments