September 30, 2022

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

RADI@zioni – IL DISCO DELLA SETTIMANA SAVAGES “Silence Yourself” (Matador Records/Pop Noire, 2013) www.savagesband.com

Tracklist

01. Shut Up
02. I Am Here
03. City’s Full
04. Strife
05. Waiting For A Sign
06. Dead Nature
07. She Will
08. No Face
09. Hit Me
10. Husbands
11. Marshal Dear

Istinto selvaggio e sentimenti primordiali!

La storia inizia circa sul finire degli anni ’70 quando un ragazzo di nome Ian, appassionato di poesia e di musica rock, ha l’occasione di mostrarsi al pubblico di Manchester con la sua band: i Joy Division. La storia finisce nel maggio del 1980 quando il giovane Ian, ventiquattro anni appena, chiude il suo patto con il mondo impiccandosi nell’abitazione della natia Macclesfield, Cheshire, UK, inconsapevole di rappresentare da lì in avanti l’iconografia del post-punk, di aver gettato le fondamenta dell’intero movimento dark e d’incarnare il prototipo del dramma esistenziale post-moderno.
Va bene, l’abbiamo presa un po’ alla larga, ma qualcuno potrebbe facilmente prendere spunto da questa storia per spiegare chi siano le Savages. Intanto arrivano da Londra e sono una band interamente femminile! C’è una voce androgina, quella di Jehnny Beth, c’è una chitarra corrosiva che è quella di Gemma Thompson e ci sono delle ritmiche di basso e batteria grazie a Ayse Hassan e Fay Milton. Ma non solo il suono avvicina la band di queste quattro londinesi ai quattro di Manchester.
Ciò che rende appassionato e indissolubile il legame tra le compositrici di “Silence Yourself” e gli “sconfitti” di “Unknown Pleasures” è l’istinto, quel sentimento primordiale del compiere un’azione senza la necessità di elaborarla o di concepirla. E in effetti le Savages, con questo lavoro d’esordio non vogliono recapitarci qualcosa che già non sia in nostro possesso; loro pretendono di trasmettere l’unione tra la fisicità strumentale e la cruda emotività delle parole, prendendo a schiaffi i sentimentalismi scontati e suggerendo l’opportunità di starsene zitti, una volta ogni tanto.
Le 4 Savages sono donne che vogliono fare le donne. Portatrici di un femminismo coscientemente femminile, non giocano a fare i maschietti agli strumenti, rimanendo fedeli alla sensibilità e alla forza che le contraddistingue. “Silence Yourself” è un disco muscolare e diretto, istintivo, che mozza il fiato come un pugno nella bocca dello stomaco, ma che in alcuni momenti accarezza con delicatezza le nostre teste, come a voler mostrare che una botta, seppur violenta, è necessaria per apprezzare il mondo che ci circonda, nitido, diretto, esente da quelle falsità strumentali che conducono invece alla Violenza vera, quella con la “V” maiuscola
http://www.ondarock.it/recensioni/2013_savages_silenceyourself.htm.

Sono un gruppo onesto le Savages e lo ammettono subito che in “Silence Yourself” non c’è nulla che musicalmente non si sia già visto e sentito. L’essenzialità della copertina in “black & white”, i ritmi sincopati alla Wire, distorsioni e sassofoni no-wave, un gran basso e una batteria primitivi e trascinanti che per impeto ricordano gli exploit delle prime Slits, l’urgenza di un cantato che unisce l’intensità e il piglio di Patti Smith e momenti à la Siouxsie & The Banshees. Queste ragazze però credono in quello che dicono, ci credono e molto.
Un particolare non da poco, che le differenzia da tante altre colleghe. Senza indugi, senza fronzoli, badano alla sostanza, pretendono di essere ascoltate. E quando parlano d’amore lo fanno con insofferenza.
Niente cuoricini e bigliettini di San Valentino, dunque. Il mondo che descrivono in “Silence Yourself”, un mondo in cui bisogna solo sorridere nonostante tutto, pedalare in silenzio e lottare per strappare agli altri un posto al sole, non le soddisfa neanche un po’. Tanto che sembra ne vogliano fare il funerale. “Silence Yourself” è il loro modo di ribellarsi, di mostrare il dito medio e dire che no, non hanno intenzione di stare zitte e incassare.
Non sono ciniche, non rincorrono le mode Jehnny, Ayse, Fay ed Emma. La loro indignazione, il loro fervore, lo stupore per quanto poco si sia evoluta la razza umana sono sentimenti autentici. Ed è soprattutto questo a restare impresso nella memoria, quando l’album finisce. Magari le Savages non riusciranno nell’ambizioso progetto che hanno detto di voler perseguire: cambiare il modo in cui molte persone vivono i rapporti personali e affettivi, il proprio lavoro, attraverso la musica.
Chissà, forse sono perfino un po’ ingenue a pensare di poterlo fare. Ma hanno tutta l’intenzione di volerci provare, di impegnarsi fino in fondo per raggiungere l’obiettivo. E di questo gli và dato atto e merito. Non solo convinte, ma anche convincenti
http://www.indieforbunnies.com/2013/05/10/savages-silence-yourself/.

a cura di: Camillo “RADI@zioni” Fasulo

“RADI@zioni/N.R.G.” è un programma ideato da Camillo Fasulo e realizzato con la radi@ttiva collaborazione di Gabriella Trastevere, Mimmo Saponaro e Carmine Tateo, in onda tutti i lunedì tra le ore 22 e le 24 sull’emittente radiofonica “Ciccio Riccio” (www.ciccioriccio.it)  di Brindisi

 

No Comments

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com