June 24, 2024

Brundisium.net

La Giunta regionale ha stanziato le risorse necessarie per premiare i comuni virtuosi che hanno saputo effettuare la raccolta differenziata. Si tratta di oltre sette milioni di euro distribuiti in tutta la Puglia. Tra i comuni destinatari di tali risorse ovviamente non figura Brindisi che ha fatto registrare dati sconfortanti nella raccolta differenziata. Un fatto gravissimo determinato dalla incapacità dell’Amministrazione Comunale di far rispettare i capitolati d’appalto. I dati presi in considerazione riguardano il 2023, ma la situazione è ulteriormente peggiorata nei primi mesi del 2024 in quanto la ditta Teorema sta facendo peggio di chiunque altro sia venuto a Brindisi per effettuare il servizio di raccolta di rifiuti solidi urbani. E’ un dato accertato, infatti, che ancora oggi – a distanza di otto mesi dall’avvio del servizio – la Teorema non sia in grado di assicurare livelli accettabili di raccolta differenziata, soprattutto per una cronica carenza di mezzi e quindi per una carenza nel servizio.

Questa situazione ovviamente va a discapito di tutti i cittadini, costretti pagare la Tari più alta d’Italia, per giunta a fronte di una città sporchissima.

Le responsabilità dei mancati controlli sono addebitabili alla struttura comunale, anche se la “politica” non è in grado di imporre il rispetto dei capitolati d’appalto.

E’ evidente che la città non può continuare a tollerare tutto questo. Ecco perché chiederemo che vengano individuate responsabilità e che qualcuno paghi per gli errori che si continuano a commettere e per inaccettabili sottovalutazioni.

 

 

Lino Luperti e Michelangelo Greco – consiglieri comunali

No Comments