June 24, 2024

Brundisium.net

Le vicende della struttura in affidamento perpetuo alla Fondazione San Raffaele tengono banco e fanno uscire fuori le dichiarazioni più disparate, finanche le modalità assunzionali che un politico manifesta e che piuttosto che alla stampa andrebbero denunciate in altre sedi.
Ma a parte la nota farsesca della vicenda ci sono alcuni elementi che vanno chiariti e che vanno portati all’attenzione delle istituzioni, cosa che faremo in audizione presso la Commissione Sanità della Regione Puglia ma che prima ancora diremo a lavoratrici e lavoratori.
Partiamo da un presupposto negli ultimi anni i carichi di lavoro sono aumentati a dismisura per effetto della mancanza della carenza di personale, ma quello che abbiamo denunciato negli anni è una carenza di personale (guarda un po’) superiore al 50%!
Ed è tutta qui la chiave, negli anni una struttura che ha 60 posti letto di sub-intensiva ed altri 34 posti letto che se non sono sub-intensiva poco ci manca, è stata gestita con personale ridotto ed addirittura con un infermiere per 30 pazienti in alcuni turni, in particolare di notte, ne deriva che le necessità assistenziali non vengono proprio contemplate e che nel pubblico tale situazione non potrebbe essere.
Se allora si è ragionato negli anni di solo profitto ora bisognerà fare il percorso contrario e calcolare quanto di quel profitto va reinvestito sul personale e sul ripristino dell’eccellenza della struttura, struttura che in questi anni ha subito un calo enorme a livello di cura del paziente e di prestazioni di riabilitazione, perché con la scusa della proroga non si è investito nel rinnovo dei macchinari e non si comprano più gli ausili finanche i cuscini antidecubito per non parlare delle divise logore del personale, ulteriore prova ne è l’abbandono della piscina riabilitativa che da anni viene rimessa in servizio solo per le visite istituzionali. 
È una nostra Battaglia da sempre, interverremo per partecipare a tutte le discussioni conseguenti, forti del fatto che la FP CGIL Brindisi, al contrario di chi non fa parlare lavoratrici e lavoratori nelle proprie assemblee, ha sempre rappresentato le istanze di tutto il personale e che sicuramente interverremo a tutela delle professionalità senza che venga escluso nessuno, dal Personale Sanitario e Fisioterapista, amministrativo e di portierato, indeterminato e determinato in part-time e Full-time, ma a tutela anche di chi è in partita Iva, del pulimento e del personale della mensa per cui da sempre chiediamo contratti dignitosi, insomma di tutte e tutti coloro che con il loro Lavoro hanno garantito prestazioni eccellenti nonostante le difficoltà.

Per questo il 4 giugno saremo in Struttura per l’ Assemblea aperta a tutto il Personale con Lavoratrici e Lavoratori del Centro riabilitativo di Ceglie Messapica Fondazione San Raffaele per condividere insieme il percorso da intraprendere!

Luciano Quarta
Segretario Generale
Funzione Pubblica CGIL Brindisi

No Comments