December 10, 2019

Print Friendly, PDF & Email

L’on. Mauro D’Attis (Forza Italia), così come annunciato, ha scritto al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli per chiedere che intervenga presso l’amministratore delegato di RFI allo scopo di far sospendere immediatamente la decisione di chiudere la stazione centrale di Brindisi. Il parlamentare brindisino ha chiesto al Ministro anche di avviare una fase di confronto su tutti il piano industriale in atto e sul futuro del nodo ferroviario di Brindisi, oltre che dei servizi collegati, con una attenzione particolare ai ritardi che si stanno accumulando per il completamento del raccordo ferroviario (attraverso cui i treni merci transiterebbero lontano dal centro abitato).

L’on. D’Attis, inoltre, ha informato il Prefetto Umberto Guidato di aver chiesto un intervento del Ministro Toninelli, preannunciando di voler svolgere una attività di controllo sull’intera questione.

Questo il testo della lettera al Ministro Toninelli:

Oggetto: richiesta urgente di sospensione dei provvedimenti di riduzione delle attività della stazione centrale di Brindisi

Signor Ministro,

segnalo, con rammarico, che RFI assume decisioni importanti senza avvertire la necessità di confrontarsi con i rappresentanti istituzionali e con la delegazione parlamentare del territorio.

Nel caso specifico la riduzione del controllo della stazione centrale di Brindisi, sia pure nell’ambito di un processo di modernizzazione della rete, comporta la perdita di posti di lavoro (spariranno i capistazione ed altre figure fondamentali nella gestione del traffico ferroviario) e soprattutto non considera i problemi rivenienti dal transito, presso la stazione centrale e quindi il centro abitato di Brindisi, di treni contenenti merci pericolose tra cui gas e sostanze chimiche.

Le chiedo, in qualità di Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti di intervenire presso l’amministratore delegato di RFI per far sospendere immediatamente la decisione in oggetto che riguarda la stazione centrale di Brindisi e di avviare una fase di confronto su tutto il piano industriale in atto e sul futuro del nodo ferroviario di Brindisi e dei servizi collegati, anche alla luce dei ritardi che si stanno accumulando per il completamento del raccordo ferroviario (attraverso cui i treni merci transiterebbero lontano dal centro abitato).

 

Questa la lettera inviata da D’Attis al Prefetto Guidato

Oggetto: stazione centrale di Brindisi

Signor Prefetto,

per opportuna conoscenza Le trasmetto la lettera che ieri ho inviato al Ministro Toninelli chiedendo un suo intervento rispetto agli interventi di riduzione delle attività in essere presso la stazione centrale di Brindisi alla luce anche delle informazioni assunte dallo scrivente in prima istanza dalle quali risulta sia già attivo da tempo un colloquio tra RFI e codesta Prefettura sull’argomento del quale, però, lo scrivente è venuto a conoscenza solo a mezzo stampa.

Facendo riferimento alle prerogative assegnatemi svolgerò attività di sindacato ispettivo sulla questione certo della Sua collaborazione in sede locale.

 

No Comments