December 14, 2019

Print Friendly, PDF & Email

Divella Mesagne Volley: Abbracciavento 2, Labate 9, Culiani 14, Cristofaro 18, Iacca 12, Mazzotta 18, Zurlo (L1) 1, Rosato, Liguori, Lapenna, Prete. All. Giunta, Ass. Zurlo.

 

Il “sette” sembra essere il numero giusto per descrivere il weekend pallavolistico mesagnese di questo fine novembre: sette sono le giornate di campionato, sette sono le vittorie ed i turni di imbattibilità stagionali, sette sono le vite (come quelle dei gatti) che le gialloblu dimostrano di avere anche in quel di Orsogna, al termine di una maratona sportiva conclusa vittoriosamente in un crescendo di emozioni che ci accingiamo a raccontarvi.
Continua il periodo sfortunato della Divella Mesagne: oltre a Demilito, bloccata per infortunio almeno fino a fine anno, coach Giunta deve fare i conti con le condizioni tuttʼaltro che impeccabili di Iacca e Culiani, non ancora pienamente recuperate e allenatesi a singhiozzo in settimana. Si decide di rischiarle, anche considerando il valore dellʼavversario. Orsogna, infatti, viaggia speditamente nelle zone alte della classifica ed in casa ha sempre vinto. Annovera giocatrici di talento, di categoria, e può contare su un mister caparbio e preparato.
Insomma, la trasferta peggiore nel momento peggiore.
La Divella Mesagne scende in campo con Abbracciavento al palleggio, Labate (k) opposta, Culiani e Cristofaro al lato, Iacca e Mazzotta centrali e Zurlo Libero. In panchina Rosato, Liguori, Lapenna e Prete.
Nel primo set le gialloblu giocano in maniera impeccabile, sfruttando quelle che sono le proprie armi: servizio ficcante, tanta difesa e grinta da vendere. Le attaccanti mesagnesi lasciano le briciole alle avversarie, chiudendo il set in appena venti minuti sul punteggio di 17-25.
Nel secondo parziale, invece, Orsogna rialza la testa sorretta dal proprio pubblico, sfruttando un calo vistoso delle ospiti. La Divella Mesagne abbassa di molto le proprie percentuali in ricezione e difesa, commettendo anche errori banali nella costruzione del gioco. La manovra ne risente, diventando prevedibile e poco incisiva (25-19).
Il terzo gioco si apre con la formazione gialloblu in grande spolvero. Le ragazze del duo Sportelli-Saponaro allungano sul 19-15, fino a quel momento meritatissimo, ma poi incredibilmente si spengono. Con un parziale di 10-3, le padrone di casa ribaltano la situazione e chiudono sul 25-22 regalandosi il primo punto dellʼincontro.
Nel momento di massima pressione, come accade spesso, la Divella tira fuori gli artigli e conquista il quarto set con il punteggio di 20-25. Una bella reazione dʼorgoglio e di testa, ottenuta alzando lʼasticella del muro in correlazione con una difesa che si attesta su livelli alti, ai quali siamo (ben) abituati. Anche in attacco le cose tornano a girare nel verso giusto, con percentuali notevoli sia dalle bande che dal centro.
Galvanizzate per la rimonta ottenuta, la gialloblu giocano un tiebreak perfetto, imponendo un ritmo che le abruzzesi non riescono a reggere. Bombardate dal servizio, bloccate a muro e trafitte da attacchi precisi e puntuali, le padrone di casa vengono schiantate in appena dieci minuti sul punteggio emblematico di 15-4.

 

Una vittoria meritata, su un campo molto difficile. A dispetto delle condizioni della squadra, questʼanno davvero bersagliata da piccoli e grandi infortuni, la Divella Mesagne torna a casa con lʼennesima vittoria stagionale, dimostrando di avere sette vite, come i gatti. Nel momento in cui lʼinerzia della partita sembrava spingere verso Orsogna, la gialloblu hanno ribaltato il pronostico affidandosi al cuore, alla tecnica ed alla tenacia, che sicuramente non fanno difetto alle ragazze di coach Giunta. Una bellissima prova di squadra, per un gruppo coeso che viaggia allʼunisono verso lo stesso obiettivo.

 

“Abbiamo vinto una partita difficilissima”, esordisce mr. Giunta, “Cʼera chi diceva che non avremmo potuto affrontare squadre così forti in trasferta. Oggi abbiamo dato grande prova di carattere e maturità. Siamo pronti per la sfida di domenica, nella quale affronteremo una squadra (Lp Pharm Napoli, ndr.) che ha dichiarato apertamente di voler fare il salto in B1. Eʼ attrezzata per farlo, avendo giocatrici di categoria superiore, mentre noi non abbiamo niente da perdere, non avendo lʼassillo della vittoria a tutti i costi. Giocheremo per noi stessi e per il nostro splendido pubblico, che mi auguro possa intervenire numeroso e caldo come nelle giornate precedenti”.

 

MAURO POCI

No Comments