January 25, 2020

Print Friendly, PDF & Email

È noto da tempo che il mestiere di taluni scrittori compulsivi di blog e social network sia quello di disinformare e confondere le acque sulle vicende che investono il comune di San Pietro Vernotico.

Ma quando questa scientifica operazione, condotta dai soliti personaggi, oltrepassa per l’ennesima volta il limite del decoro e diventa oltraggio ai danni della cittadinanza intera, non si può che reagire con sdegno.

 

Perché è vero che le parole, come le persone hanno un peso specifico che varia a seconda della credibilità di ognuno, ed in questo i cittadini hanno già dimostrato di saper valutare fatti, situazioni e personalità. Proprio per questo motivo i soliti personaggi da tastiera potranno anche continuare con la loro vana macchina del fango, senza che nessuno attribuisca loro la minima rilevanza, raccontando trame capovolte in articoli che nulla hanno di cronaca giornalistica e molto sanno di tifo audace e sfrontato.

 

Ma non sono accettabili le allusioni infamanti e gli accostamenti alle vicende della vecchia Amministrazione operati in merito alle ultime notizie sull’indagine condotta dalla Guardia di finanza presso gli uffici comunali di San Pietro Vernotico che avrebbe portato, a quanto si apprende dalla stampa, ad accertamenti, sequestro di documenti e addirittura perquisizioni domiciliari.

 

Per sgomberare il campo da possibili dubbi e capovolgimenti della realtà, è doveroso chiarire che nessuno dei componenti dell’Amministrazione Renna è minimamente coinvolto nella vicenda o è stato raggiunto da qualsivoglia accertamento, ne tanto meno perquisizione domiciliare, nonostante qualcuno dalle tastiere di un computer stia richiamando in maniera equivoca proprio la vecchia amministrazione a proposito di Fiscalità Locale e di questa inchiesta.

 

È grave la parzialità che genera un’informazione distorta, da parte di chi si intesta il compito di mettere al corrente i cittadini su quanto accade, nei confronti del paese, dei nostri cittadini e nei confronti di chi sta magistralmente conducendo queste delicate verifiche per accertare eventuali illeciti e relative responsabilità.

È grave soprattutto nei confronti della verità, che è figlia del tempo.
Ed il tempo rivela sempre la verità. Lo sta già facendo.
Basta saper attendere con pazienza e fiducia.

 

 

Angelo Esposito
già vicesindaco di San Pietro V.co

No Comments