April 1, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

“Avevamo messo in preventivo anche questo. E cioè che qualcuno tentasse di far passare la nostra chiara e legittima presa di posizione contro una decisione che ha il chiaro stampo del bluff elettorale, per una difesa di campanile del territorio brindisino.

 

Non è così! E per noi parlano i fatti. Prevedere cospicui investimenti e l’impiego di personale per l’avvio di voli-passeggeri nell’aeroporto ‘Arlotta’ di Grottaglie va contro ogni logica di gestione e sviluppo dei sistemi regionali di trasporto aereo. Lo ha chiarito senza esitazioni l’Enac (Ente Nazionale Aviazione Civile) e lo si evince anche dalla lettura dei dati del trasporto aereo in Italia.

In un bacino come quello pugliese, c’è spazio (in riferimento al traffico passeggeri) solo per gli scali di Bari e di Brindisi. Un’eventuale terzo aeroporto vanificherebbe le economie di scala e renderebbe scarsamente competitivo l’intero sistema aeroportuale pugliese. Il tutto, con il rischio concreto di un collasso dalle conseguenze irreparabili (basta vedere ciò che è successo anni fa in Calabria o ciò che sta avvenendo ancora oggi in Lombardia con l’aeroporto di Brescia).

 

Pertanto, difendere l’attuale assetto del trasporto aereo in questa regione significa fare gli interessi di tutti i cittadini della Puglia, a partire proprio da quelli della provincia di Taranto.

 

La realtà è che abbiamo smascherato una manovra che di valenza economica e di sviluppo turistico-commerciale non ha proprio nulla. Si tratta semplicemente di ‘cambiali’ che il Presidente Emiliano e l’assessore Mazzarano devono pagare in quel territorio, mantenendo promesse azzardate e irrealizzabili”.

 

Nota del Consigliere regionale del Gruppo Articolo 1 – MDP, Giuseppe Romano Presidente della III Commissione consiliare.

No Comments