April 6, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

L’acquisizione degli ultimi pareri tecnici, la successiva delibera dell’Asl di Brindisi e quella della Giunta regionale mettono la parola fine all’attesa per l’avvio dei lavori di riconversione del’ospedale “Ninetto Melli” di San Pietro Vernotico in un moderno e attrezzato P.T.A. (Presidio Territoriale di Assistenza).

Un intervento che richiederà un investimento di 9,2 milioni di euro (tra i più importanti in Puglia per i P.T.A.).

Per me è un sogno che si avvera, visto che quando abbiamo cominciato a parlare della necessità di riconvertire un vecchio nosocomio degli anni 50 in una struttura adeguata agli standard europei previsti per l’edilizia sanitaria (camere con antibagno e bagno, 2/3 letti ed aree per la riabilitazione funzionale) c’è stato chi è sceso in piazza per protestare, chi ha raccolto le firme e chi ci ha tacciato tra coloro che volevamo la fine del “Melli”.

Poi, con il passare del tempo, più di qualcuno si è reso conto che il futuro era quello proposto da noi e quindi ha tentato di salire sul carro dei vincitori. Anche questo, però, lo avevamo messo in conto ed oggi diciamo che la fase delle contestazioni si può dichiarare chiusa e quindi si può lavorare tutti insieme per rilanciare il “Melli”, costruendo un luogo di eccellenza della riabilitazione post acuzie. Ma non è tutto: ottenuto il risultato dell’ormai imminente avvio dei lavori, adesso inizieremo ad operare perché il PTA di San Pietro sia dotato anche della robotica riabilitativa.

Nel frattempo, mi aspetto che l’Asl proceda immediatamente con l’inaugurazione delle sale operatorie per poter eseguire interventi chirurgici in oculistica, ortopedia e chirurgia.

 

 

Pino Romano – Presidente Commissione Sanità della Regione Puglia

No Comments