May 22, 2024

Brundisium.net

Alle 7.30 di oggi, sabato 11 novembre, la nave Life Support di Emergency ha fatto ingresso nel porto di Brindisi con a bordo 118 persone soccorse in alto mare due giorni fa.

Poco dopo un’ora sono scesi i primi tre migranti, tra cui l’unica donna tra i naufraghi: una ragazzina minorenne che da quanto accertato è stata vittima di violenza sessuale in Libia.

Come da protocollo, sulla banchina era stato predisposto il sistema di accoglienza, coordinato dalla Prefettura di Brindisi.

I medici Usmaf del Ministero della salute sono saliti a bordo della nave per effettuare lo screening sanitario, mentre il personale del 118 ha allestito un piccolo ospedale per i primi interventi.

I volontari della Croce Rossa italiana e della Protezione civile si sono occupati dell’assistenza e dell’accoglienza dei migranti.

Tutte le forze dell’ordine, Polizia, Carabinieri, Guardia di finanza e Polizia locale, hanno presidiato l’area.

Il prefetto di Brindisi, Michela La Iacona, ha ringraziato tutti gli attori del sistema di accoglienza, rimarcando il grande senso di solidarietà dimostrato.

“Sono grata a tutti coloro che hanno contribuito a rendere possibile questo sbarco in sicurezza. Il grande senso di solidarietà dimostrato è un’ulteriore conferma della generosità dei cittadini di Brindisi”.
“Si può lavorare in tutti i modi, però qui si lavora non soltanto per dovere. Ogni volta continuo a registrare una partecipazione emotiva e un senso di responsabilità che fa onore alla città”, ha detto il prefetto.

Tutte le persone portate a Brindisi sono in buone condizioni di salute, accertato solo qualche caso di scabbia.

Tra i naufraghi ci sono quattro minori non accompagnati, oltre alla minorenne. Provengono da Eritrea, Etiopia, Sudan, Bangladesh, Pakistan, Siria, Egitto, Palestina.

Da quanto annunciato dal prefetto, i minori resteranno a Brindisi, mentre gli altri verranno portati in Emilia Romagna e Campania.

No Comments