September 28, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

È tra le più celebri opere di Gioachino Rossini e segna il secondo appuntamento della stagione «Opera in Puglia»: è «La Cenerentola», il capolavoro del grande compositore pesarese che sarà in scena al Teatro Verdi di Brindisi martedì 15 maggio con sipario alle ore 20.30. Per meglio approfondire tutta la ricchezza e il fascino della partitura, la storia e la gestazione dell’opera, ultima delle grandi opere buffe di Rossini, è in programma una guida all’ascolto sabato 12 maggio, alle ore 18.30, nella sala conferenze del Complesso ex Scuole Pie a Brindisi (via Tarantini, 35).

 

All’incontro, che sarà moderato da Anna Consales, prenderanno parte il direttore artistico di «Opera in Puglia» Giandomenico Vaccari, del Teatro Verdi Carmelo Grassi e Corrado Nicola De Bernart, docente presso il Conservatorio «Tito Schipa» di Lecce, il quale proporrà un’analisi drammatico-musicale dell’opera, scritta in previsione di un imminente debutto nella stagione del Carnevale 1817 per rimpiazzare la progettata «Ninetta alla corte», bocciata decisamente dalla censura papale («una delle meno morali commedie del teatro francese»).

 


L’allestimento, realizzato a duecento anni dalla prima rappresentazione al Teatro Valle di Roma (25 gennaio 1817), vuole far rivivere il capolavoro rossiniano così come concepito dal “magnifico genio”, che portò la fiaba sul terreno più realistico della commedia e dell’osservazione giocosa dei caratteri umani. Il libretto dell’opera fu scritto da Jacopo Ferretti partendo dalle pagine della favola di Charles Perrault e consegnato a Rossini, venticinquenne, da poco reduce dal debutto del «Barbiere di Siviglia». «La Cenerentola», nonostante la leggerezza del soggetto e la rapidità della composizione, poco più di tre settimane, è considerata una delle partiture più raffinate del musicista, soprattutto in rapporto al trattamento delle voci. La penna di Rossini riuscì nella sfida non facile di trasformare una favola per l’infanzia in un dramma giocoso e sentimentale adatto a qualsiasi tipo di pubblico, e «La Cenerentola» guadagnò un posto stabile nella storia dell’opera e nel repertorio lirico internazionale.

 

L’incontro è ad ingresso libero. Biglietti per la data brindisina ancora disponibili presso il botteghino del Teatro Verdi (tel. 0831 562 554). Apertura straordinaria sabato 12 e domenica 13 maggio, ore 11-13 e 18-20.

 

 

 

Ufficio Stampa & Comunicazione
Fondazione Nuovo Teatro Verdi – Brindisi

No Comments