October 24, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Un nuovo progetto per rendere Francavilla Fontana più sostenibile e attrattiva.

L’Amministrazione Comunale, su iniziativa degli Assessorati alla Mobilità Sostenibile e all’Urbanistica, ha approvato la candidatura a finanziamento di un progetto per la creazione di un percorso ciclopedonale urbano. Il Comune parteciperà all’Avviso di Manifestazione d’interesse del Programma di Azione e Coesione (PAC) 2014-20 “Infrastrutture e Reti” promosso dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Questa linea di finanziamenti è finalizzata a garantire uno sviluppo competitivo dei territori delle regioni del Sud Italia attraverso il sostegno a progetti di sostenibilità ambientale, accessibilità turistica ed efficienza logistica integrata. Il Programma ha una dotazione economica di oltre 670 milioni di euro.

Si tratta di un disegno ambizioso, del valore complessivo di 853mila euro, che prevede la realizzazione di un tracciato ciclopedonale lungo Corso Garibaldi, via Crispi, via Madonna delle Grazie e via Barbaro Forleo sino all’ingresso nel centro storico da Porta Roccella.

Il progetto, realizzato dalla stessa società che sta sviluppando il Piano della Mobilità Sostenibile di Francavilla Fontana, è perfettamente conforme con quanto previsto dal PUG ed al redigendo PUMS che, nelle prossime settimane, vedrà la luce nella sua versione definitiva.

“Non nascondo l’emozione all’idea che il progetto venga finanziato e realizzato – dichiara l’Assessore alla Mobilità Sostenibile Sergio Tatarano – si tratta di un percorso che consentirebbe di dare spazio alle due ruote mettendo in collegamento punti attrattivi di Francavilla come mai è accaduto nel nostro territorio. Un obiettivo veramente epocale a cui oggi possiamo ambire solo grazie al percorso di redazione del PUMS che inizia a prendere forma: il piano della mobilità sarà presentato a settembre e consegnato alla città nel giro, presumibilmente, di pochi mesi. Uno sforzo enorme di pianificazione intrapreso dalla nostra Amministrazione che viene ad essere gradualmente ripagato.”

L’idea di fondo è di costruire un percorso semplificato, capace di convogliare il traffico urbano alternativo e di attrarre maggiori flussi turistici. La rete viaria ciclopedonale condurrà ai punti di interesse storico – architettonico e, allo stesso tempo, si spingerà sino al Canale Reale che nei prossimi anni sarà oggetto di una radicale trasformazione e, secondo quanto previsto dal PUG, ospiterà un parco pluviale. La realizzazione di un parco naturalistico in questo sito è perseguita anche dal Contratto di Fiume, una iniziativa già in fase avanzata di sviluppo, che coinvolge attivamente tutti i Comuni attraversati dal Canale Reale e l’Università di Bari.

“Il progetto che candidiamo è organico con l’idea di una Città più smart, capace di pensare al proprio futuro – dichiara l’Assessore all’Urbanistica Nicola Lonoce – il PUG che abbiamo recentemente adottato nella sua versione definitiva traccia un percorso molto chiaro nell’ottica della sostenibilità e valorizzazione del patrimonio artistico – culturale. Con questa proposta progettuale facciamo un ulteriore passo in avanti nell’ottica della mobilità sostenibile.”

Sempre sul fronte delle modalità di spostamento urbano, sono stati resi noti i risultati di una ricerca condotta durante l’ultima edizione della settimana europea della mobilità sostenibile dalla locale sezione di Legambiente. Su un campione di più di 350 francavillesi intervistati è emerso che la quota relativa alla mobilità motorizzata privata è in linea con il dato nazionale solo per gli spostamenti per lavoro o studio (51,5%), mentre è inferiore per tutti gli altri motivi di spostamento (41-46%, e solo poco più del 25% per svago e tempo libero). Appare molto rilevante la quota della mobilità attiva, ampiamente superiore al dato nazionale per quanto riguarda gli spostamenti a piedi e in bicicletta che sono da 1,4 a 1,8 volte più frequenti rispetto al dato nazionale (e più di tre volte nel caso degli spostamenti per svago e tempo libero). Nettamente inferiore al dato nazionale è infine la quota relativa all’uso di mezzi pubblici in ambito urbano.

Questi dati, raccolti da Gigliola Palazzo e Giuseppe Ponzini del Circolo Piaroa di Legambiente, confermano un graduale cambiamento nelle abitudini dei francavillesi e rafforzano la necessità di implementare le politiche di mobilità sostenibile.

“Un plauso a Legambiente – conclude l’Assessore Tatarano – per il lavoro che tornerà utile nella pianificazione e che peraltro ci consegna i primi risultati confortanti in termini di cambio di abitudini dopo due anni di intenso lavoro profuso dall’amministrazione.”

Comune di Francavilla Fontana

No Comments