November 28, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

La grande tristezza .
… è morto Mimmo Mele … un uomo fuori dal comune … un uomo sopra le righe … un uomo simpatico e affascinante, guascone ed eccessivo, stravagante e presente sempre … un uomo con grandi ombre e con grandi luci … un politico incosciente e generoso, forse spregiudicato ma, soprattutto, buono … così come ci piacerebbe che fosse buono tutto il nostro prossimo …

 

non lo conoscevo intimamente … sapevo la sua parte pubblica e nota … della sua vita privata, dei suoi errori, delle sue cadute e dei suoi difetti sapevo più o meno tutto ciò che da sempre si favoleggiava … spesso con molta invidia e con malcelata gelosia …

 

io, incontrandolo, cercavo sempre di non pensarci, di non giudicare, di non etichettare per non intaccare o sprecare quella festa di vita e di simpatia che Mimmo ti regalava sempre … ogni volta era una festa di abbracci e baci, di sorrisi e di simpatia corrisposta … condiva i suoi ragionamenti con paradossi e guizzi d’ingegno, proponeva le sue analisi con foga e passione , con generosa impazienza e con serietà …

 

parlando di lui con altri suoi veri amici ne usciva il ritratto di un eroe niciano a cui la vita andasse sempre stretta e che sentisse fortissima l’impellenza di viverla al di là del bene e del male …

 

non so perchè ne scrivo oggi … non ero fra le sue amicizie più strette … a me riservava una stima ed un affetto vero e spontaneo che faceva di quei rari incontri veri e propri momenti speciali …

 

non lo vedevo da circa un anno … l’ultima volta mi aveva chiamato per telefono e al mio “pronto” ero stato investito dal solito quasi gridato “Amico mioooo” con quell’accento paesano inconfondibile e accattivante … voleva un piccolo favore … delle informazioni che sarebbe stato facilissimo per chiunque ottenere in tempi brevissimi presso un ente pubblico … me ne sorpresi ma capii a volo … a lui seccava essere trattato come uno qualunque … non sarebbe mai andato a prendere il numeretto ad uno sportello pubblico, non lui … non Mimmo Mele …

 

era fatto così … come tutti … ma lui lo diceva e lo faceva davvero … noi ci limitiamo a subire frustrazioni e disillusioni … lui no … perchè, in fondo, forse, era un semplice … sempre uguale ed amicone da sindaco e da onorevole, da imprenditore e da uomo caduto in disgrazia …

 

lasciava per un attimo le persone con cui si intratteneva e veniva a salutarmi sia che stesse con suoi colleghi onorevoli in aeroporto, sia che confabulasse con ceffi in un bar di Ostuni …

 

in questa prima giornata di tempo livido e di freddo … in questo primo assaggio di tramontana, ho ricevuto la notizia della sua morte improvvisa … ne sono profondamente addolorato … di quanto diranno i suoi detrattori ricordandone gli innumerevoli difetti, a me, non me ne fotte niente …

 

so solo che mi mancheranno quei rari sprazzi di vita vera ed eccessiva che Mimmo mi regalava spudoratamente …

il resto non mi riguarda …

 

 

Apunto Serni

No Comments