November 25, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Da una rilevazione fatta in campo è stato individuato che circa il 35% degli spostamenti che si fanno con l’auto in città sono sotto il Km a tratta (singolo spostamento). Questo comportamento avviene sopratutto nelle Città sotto i 50mila abitanti com’è appunto Francavilla Fontana e molte altri Città pugliesi. Si consideri che andare a piedi per fare 1 km ci si impiega mediamente 10/13 minuti (circa 80 metri al minuto). Un tempo ragionevole considerando anche andata e ritorno. Si tratterebbe quindi di 20/25 minuti complessivi. Un piccolo tempo per grandi obiettivi come sono ridurre l’impatto ambientale e migliorare la propria salute. Vi sembra che ne valga la pena? Cosi facendo, inoltre, ci sarebbe un 35% di traffico in meno con un notevole giovamento per tutta la Comunità in termini oltre che ambientali anche di viabilità complessiva.

 

Certo è comodo muoversi in auto, ripara dalle intemperie, si può condizionare il clima interno, lo sforzo fisico è minimo, si sta comodamente seduti pur muovendosi. E’ arcinoto, pero, che vi è una stretta correlazione tra l’uso delle auto a combustione è l‘inquinamento dell’aria. Aria che respirata da chiunque di Noi può (ormai sempre più con maggiore probabilità) provocare malattie devastanti. Peraltro la sedentarietà dovuta anche l’uso e l’abuso (come nel caso su riportato) dell’auto per muoversi provoca anch’essa problematiche sanitarie

 

Per queste lsemplici motivazioni, la Nostra Associazione ha voluto promuovere un campagna di sensibilizzazione sul tema anche attraverso una sperimentazione civica autogestiita attraverso cui Tutti i Cittadini Francavillesi e non, si impegnino per almeno la prima Settimana Ottobre del 2019 (dal 1 al 6 ottobre 2019) a muoversi nella propria Città a piedi. A piedi dato che è il mezzo di locomozione più “green” e sostenibile di cui la Natura chi abbia dotato.

 

Contemporaneamente invitiamo le Amministrazioni Locali a prestare sempre più attenzione alla manutenzione dei marciapiedi non solo al rifacimento delle strade. Marciapiedi che consentano un’agevole viabilità dei pedoni liberi da impedimenti e barriere di alcun genere.

 

Chiaramente come piccola Associazione non ci aspettiamo un’adesione massiccia, sappiamo bene quali siano le barriere culturali nonché i limiti di chi propone iniziative senza poter contare sulle cosiddette “truppe cammellate”. Noi crediamo nella libera iniziativa, di conseguenza nella libera espressione delle proprie idee e azioni. Ovviamente Tutti coloro (che sin da adesso ringraziamo) che ritengono di poter praticare nonché condividere e diffondere questo esperimento civico autogestito sono “autorizzati” a farlo. Buona #senzautoweek.

 

Angelo Camassa
(Presidente Nova Era)

No Comments