July 14, 2024

Brundisium.net

Nella nostra città, da sempre sinonimo di pace e armonia, una recente iniziativa artistica ha sollevato un’ondata di indignazione tra i cittadini.
L’installazione di murales che descrivono scene di guerra è vista da molti come una scelta profondamente inappropriata e contraria ai
valori che abbiamo sempre difeso con orgoglio. La nostra città ha costruito la sua identità anche su un impegno costante per la pace.

Abbiamo organizzato eventi che promuovono il dialogo interculturale e sostenuto progetti educativi volti a insegnare alle nuove generazioni
l’importanza della non violenza. In questo contesto, la decisione di rappresentare la guerra sui muri delle nostre strade è non solo
incongruente ma offensiva.

L’arte ha sicuramente il potere di provocare e stimolare la riflessione, ma esiste un limite sottile tra provocazione e insensibilità. I murales di guerra non solo evocano immagini di distruzione e sofferenza, ma rischiano anche di traumatizzare coloro che hanno vissuto conflitti reali. Per molti residenti, soprattutto per i rifugiati e i sopravvissuti alle guerre, queste immagini non sono semplicemente arte, ma un doloroso ricordo di esperienze vissute in prima persona.
Promuovere immagini invia un messaggio confuso e contraddittorio.
Invece di rafforzare il nostro impegno per la pace, questi murales rischiano di banalizzare la gravità della guerra, trattandola come un
soggetto artistico qualsiasi piuttosto che come una tragedia umana da evitare a tutti i costi.

La reazione di gran parte dei cittadini è stata unanime: questi murales devono essere rimossi. In molti hanno espresso il loro disappunto. La nostra città merita opere d’arte che riflettano i suoi valori di pace e unità, non che li contraddicano.

In un momento storico in cui il mondo ha bisogno di simboli di speranza e unità, la nostra città deve rimanere fedele ai suoi principi fondamentali. I murales che descrivono scene di guerra non hanno posto in un luogo votato alla pace. È tempo di rimuoverli e di ripensare a come l’arte possa essere utilizzata per costruire ponti, non per evocare ricordi dolorosi di distruzione e conflitto.

 

Gruppo Territoriale M5S Brindisi.

 

Foto: Ida Santoro

No Comments