July 15, 2024

Brundisium.net

Potrebbe arrivare un’altra tegola sulla testa dei piccoli commercianti. L’ennesima. Dopo il tetto al cash, l’obbligo di POS e il rilancio della lotteria dello scontrino, ora con la nuova Legge di Bilancio, in approvazione dal Parlamento, i cittadini potrebbero prelevare contanti anche nei negozi. Una possibilità che Confesercenti non condivide pienamente. Si vuole far diventare negozianti, tabaccai e giornalai veri e propri ‘bancomat’ per prelevare, tramite POS, fino a 250 euro in contanti. Un intervento ancora da capirne l’obiettivo, dal momento che si chiede ai commercianti da un lato di sostituire le banche ed erogare contanti, dall’altro di scoraggiare l’uso del cash. Un evidente ossimoro e un’idea di difficile applicazione: il commerciante, per erogare contanti, dovrebbe infatti detenere disponibilità di liquido congrue, con tutti i rischi che ne derivano. Per una commissione prevedibilmente non superiore a un euro, forse il gioco non vale la candela.

 

“E’ l’ennesimo provvedimento contradditorio su questo fronte – dichiara Michele Piccirillo, presidente provinciale Confesercenti – alimentando incertezze, mentre l’accordo per tagliare le commissioni POS per i piccoli esercenti non ha ancora prodotto risultati. Ci sono troppe regole e norme, peraltro poco chiare, che creano confusione tra i cittadini e grave imbarazzo e creano incertezza da parte degli esercenti sempre più vessati. Le transazioni cash, viste ingiustamente come indizio se non sintomo di infedeltà fiscale, sono state limitate e scoraggiate. Prima l’introduzione di un tetto ai contanti, poi le misure a favore della moneta elettronica, dai grandi investimenti del cashback, che non ha prodotto i risultati sperati, alla lotteria dello scontrino, che dovrebbe ripartire a breve, in forma
istantanea, solo per chi paga con carta. Ma anche obblighi e sanzioni per imporre l’accettazione di pagamenti con carte e bancomat, senza considerare i costi sostenuti dagli esercenti. Siamo il bersaglio preferito di chi assume queste assurde decisioni. Questi decisori però restano sordi di fronte alle nostre richieste in riferimento all’utilizzo del POS. Chiediamo zero canone, zero commissioni e siamo contrari all’erogazione del contante nei negozi per una questione di sicurezza dei commercianti, salvo per chi, sotto la sua responsabilità, dovesse decidere di aderire. Unica mano tesa, la previsione di imporre agli istituti la riduzione delle commissioni pagate dalle piccole imprese su carte e bancomat, che costano circa 5 miliardi di euro l’anno. E pesano soprattutto sulle attività di minori dimensioni, che in Italia sono la maggioranza: quelle con fatturato annuale inferiore ai 400mila euro sono 2,5 milioni, oltre la
metà del totale delle imprese. Ma, al momento, sono solo idee, non essendoci ancora riduzioni apprezzabili delle commissioni”.

Per Confesercenti non si è neanche raggiunto neanche l’obiettivo della trasparenza, rendendo chiare ed esplicite le condizioni applicate da banche e intermediari. La comparazione fra le offerte, pubblicata sul CNEL, è una babele in cui è impossibile districarsi se non affidandosi a un esperto. E le migliori condizioni non sono applicate d’ufficio dalle banche: sono le imprese a dover presentare istanza. Un sistema che non funziona e Confesercenti è pronta a chiedere la verifica dell’efficacia del protocollo.

No Comments