December 11, 2019

Print Friendly, PDF & Email

 I Carabinieri forestali della Stazione di Brindisi, nel corso di pattugliamenti delle aree rurali a Sud del quartiere Sant’Elia del capoluogo, in contrada “Gonella”, hanno notato strani movimenti di materiali all’ interno di un fondo coltivato.

 

Da un più accurato accertamento è risultato che il proprietario del terreno vi aveva realizzato, del tutto abusivamente, una strada poderale lunga 243 metri, larga 5, ed alta 1 sopra il piano-campagna, utilizzando rifiuti provenienti da attività edile, nonché residui in plastica, ferro e legno, per un volume complessivo di 1215 metri cubi.

 

Il titolare del fondo, P.P., brindisino di 57 anni, è stato deferito alla Procura della Repubblica di Brindisi, per intervento edilizio in assenza di titolo abilitativo (art. 44 comma 1 del Decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001, “Testo Unico dell’ Edilizia e dell’ Urbanistica”) e per attività non autorizzata di gestione di rifiuti speciali non pericolosi (art. 256 comma 1 del Decreto legislativo n. 152 del 2006, “Testo Unico dell’ Ambiente”).

 


I Militari hanno sottoposto a sequestro tutto il tracciato della strada-discarica abusiva.
Tutta la fascia rurale che cinge il capoluogo è oggetto di particolare costante attenzione da parte dei Carabinieri Forestali (Stazione e Gruppo di Brindisi), configurandosi in maniera diffusa come discarica abusiva puntiforme dei rifiuti speciali prodotti nell’ ambiente urbano.

No Comments