May 29, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

“Istanza di revoca della sospensione del servizio Centro contro il Maltrattamento a Minori e Donne Crisalide” è l’oggetto di una lettera aperta inviata da Antonio Macchia, segretario generale CGIL Brindisi, al Sindaco Riccardo Rossi, all’Assessora ai Servizi Sociali, Isabella Lettori, e al Dirigente ai Servizi Sociali, Costantino Del Citerna.
Di seguito ne riportiamo integralmente il testo:

 

La realtà complessa e inedita che stiamo vivendo, per effetto della pandemia di COVID 19, in relazione alle misure di contenimento del contagio, ci chiama ad una disamina seria ed approfondita dei fenomeni sociali che dobbiamo interpretare e condividere.
In quest’ottica, esprimiamo forte preoccupazione per il provvedimento adottato dal Comune di Brindisi con il quale si sospende il Centro contro il Maltrattamento a Minori e Donne “Crisalide”, con il rischio che la sicurezza e il benessere dei minori e anche delle Donne, in questo momento, vengano meno garantiti. È acclarato, infatti, che “il restare a casa” come misura di contenimento del contagio, se pur ineludibile e necessaria, in molti casi per i minori e le donne si trasformi in un inferno nell’inferno: il pericolo maggiore di violenza, infatti, si annida tra le mura domestiche.

Riteniamo, oltretutto, che il provvedimento assunto dal Comune non abbia riscontri nemmeno dal punto di vista normativo.
L’allarme Covid 19, con i vari decreti che si sono susseguiti, ha fatto si, probabilmente, che per “un eccesso di prudenza” e/o “confusione interpretativa” determinatesi, portasse il Comune di Brindisi alla chiusura temporanea anche di servizi essenziali quale è il Centro Antiviolenza “Crisalide”.
Il DPCM disciplinante la materia di che trattasi non dispone la chiusura dei centri antiviolenza, anzi ne caldeggia la apertura attraverso una gestione essenziale e cautelativa del servizio.
Tant’è che anche la Regione Puglia in data 02.04.2020 con prot 1624, nel dettare le linee guida in merito alla gestione di centri antiviolenza ha sentito il bisogno di evidenziare la loro natura di servizio essenziale: “I centri garantiscono l’erogazione del servizio, potenziando le prestazioni da erogarsi con risposta telefonica, e assicurando la reperibilità telefonica h 24 al fine di dare riscontro al primo contatto con la richiedente. Assicurano gli interventi di emergenza per l’accoglienza delle donne vittime di violenza e tutte le prestazioni ritenute INDIFFERIBILI, sempre nel rispetto delle norme di sicurezza per le operatrici………. Sono sospese fino al termine dell’emergenza sanitaria, le ordinarie prestazioni di sportello e i colloqui in presenza e le attività che prevedono assembramenti….”
Occorre pure segnalare che sempre la Regione Puglia ha pubblicato l’elenco dei servizi operativi fra cui, ovviamente, rientra il Centro antiviolenza Crisalide.
Pertanto, considerato che tale struttura eroga un servizio essenziale per diretta investitura Regionale , in quanto assegnataria di un servizio teso a contrastare la violenza sulle Donne e Minori; che il Centro Crisalide è nell’elenco Nazionale dei servizi cui le FFOO indirizzano donne vittime di violenza di genere ed intrafamiliare e risponde ai numeri nazionali e regionali di emergenza quali il 1522; che tutte le norme specifiche in materia ( DPCM, Circolare Ministeriale 1/2020 del 27.03 us, Linee Giuda Regione Puglia con annesso elenco servizi considerati essenziali) individuano i centri antiviolenza quali servizi essenziali;

CHIEDIAMO
al Comune di Brindisi di revocare, con estrema urgenza, il provvedimento di sospensione della importante e delicata attività svolta dal Centro “Crisalide”, nella consapevolezza che tale avversato atto sia stato determinato da un mero errore interpretativo.

No Comments