December 11, 2019

Print Friendly, PDF & Email

San Severo: Pizzolato, Mangiacotti, Russi, Cordisco, Follera, Ianniciello, Florio, Burdo, Cesareo (88′ Annese), Ladogana, De Vivo (72′ Mastrangelo). All. Rufini. A disposizione: Del Rossi, Annese, De Bellis, De Rosa, De Vita, Marino, Mascolo, Villani.

Città di Brindisi: Peschechera, Iaboni, Lotti, Troiano, Sicignano, Patti, Fella, Marsili (70′ Ancora), Gambino, Pellecchia,  Loiodice. All. Ciullo. A disp.: Novembre, Akuku, Favia, Pinto, Vetrugno, Vantaggiato, Greco, Ivone.

Arbitro: Bruni  di Fermo coadiuvato da Blasi e Vitaloni di Jesi.

Reti: 18′ Ladogana, 60′ Fella. 67′ Florio

 

Brindisi e San Severo scendevano in campo sul neutro di Lucera per una gara di capitale importanza. I biancazzurri avevano l’obbligo di riprendere la marcia giusta dopo tre pareggi consecutivi e l’eliminazione dalla Coppa Italia; i dauni, dopo l’epurazione invernale e la campagna acquisti del patron Marino, erano chiamati a risalire la china.
E’ andata bene ai padroni di casa che – senza strafare – conquistano tre punti davanti ad un Brindisi che fatica a trovare la via della rete.
Con tre punti in quattro partite,  i biancazzurri si sono allontanati dal primo posto e le prospettive sono seriamente ridimensionate.

La gara:

Senza Tedesco e Di Martino (svincolati in settimana), Ciullo si affida al nuovo acquisto Troiano, che nella mediana, fa coppia con Marsili. Per il resto è il solito Brindisi, con la difesa “titolare” composta da Liotti, Iaboni, Cacace e Sicignano, le ali offensive Pellecchia e Loiodice ad affiancare le punte Gambino e Fella.
Nel San Severo c’è spazio per l’ex Ladogana, trattato dal Brindisi poche settimane fa ma il cui acquisto non è stato concretizzato dalla società biancazzurri.

In campo è subito battaglia. I giallorossi partono a spron battuto, prendendo le redini del centrocampo ed occupando stabilmente la retroguardia brindisina. Dal canto loro, gli ospiti tentano sporadiche offensive basando il gioco soprattutto sulla fisicità di Gambino.
Il San Severo si fa pericoloso al 10′, con una azione conclusa con un colpo di testa di Cesareo, terminato sul palo. Al 18′ i foggiani passano in vantaggio con l’ex Ladogana, abile a sfruttare un corner di Florio e trovare la traiettoria vincente.
La rete avversaria scuote il Brindisi che comincia a giocare a calcio. Marsili e Troiano prendono per mano la squadra e Pellecchia e Loiodice si fanno pericolosi con due tiri che terminano di poco a lato. Tra il 32′ ed il 37′ è Gambino ad avere due ottime occasioni per il pareggio ma nella prima è bravo Pizzolato ad opporsi alla botta del n. 9, mentre nella seconda occasione l’attaccante siciliano viene fermato in fuorigioco poco prima del tiro che gonfia la rete. Tra le due opportunità di Gambino si vede anche Fella, abile a saltare due avversari ed a servire Pellecchia il cui tiro rimpalla sui piedi di un difensore avversario.
Poco prima dello scadere del tempo è il San Severo che ha la palla del 2-0 ma Burdo sfrutta un errore di Fella ma non riesce ad imprimere forza al tiro. L’ultima occasione è sui piedi di Marsili con una punizione dai 20 metri “telefonata” al portiere di casa.

In avvio di secondo tempo il Brindisi entra in campo con forte determinazione: Gambino sfiora la rete di testa in due occasioni (sulla prima  Pizzolato compie una parata prodigiosa). Va vicina alla rete anche la squadra di casa con Florio ma la difesa ospite è attenta.
Il Brindisi si butta in avanti, domina il gioco, ed al 15′ arriva la meritata rete, opera di uno scaltrissimo Fella, abile a trovare la zampata vincente in velocità.
La gioia brindisina dura solo 7 minuti perché al 22′ Florio trova lo spiraglio vincente con una punizione dai 20 metri forte e precisa.
Ciullo butta nella mischia Ancora per Marsili e negli ultimi 20 minuti di gara il Brindisi reagisce protendendo il gioco tutto nella metà campo avversaria. Gambino e compagni cercano la rete del pareggio ma la manovra è sterile e Pizzolato resta pressoché inoperoso. Finisce 2-1.

 

 

No Comments