January 20, 2020

Print Friendly, PDF & Email

Una innovativa scenografia in video editing ambienta lo sbarco di Enea tra Castro, Otranto e Porto Badisco raccontato dalle incursioni in scena di Antonio Caprarica. Lunedì 16 dicembre il Teatro Comunale di Mesagne ospiterà eccezionamente la prova generale aperta al pubblico dell’opera in tre atti “Dido and Aeneas”, il capolavoro del teatro musicale barocco dell’inglese Henry Purcell (1659-1695), su testo di Nahum Tate.
“Didone ed Enea – Tra Mito e Realtà” è una produzione interamente allestita a Mesagne e lunedì dalle ore 19:30 prenderà per la prima volta vita sul palco con tutti i suoi protagonisti. Questa operazione è stata fortemente voluta e patrocinata dall’Amministrazione Comunale di Mesagne nella persona del sindaco, dr. Antonio Matarrelli: ancora una volta la città si configura come teatro naturale e tecnico per operazioni culturali di altissimo profilo come questa.
Le musiche, di rara bellezza, vanno di pari passo con la sontuosità della storia e, realizzate in rigoroso stile barocco con l’impiego di professori d’orchestra specializzati nella prassi esecutiva dell’epoca, saranno eseguite dall’Orchestra Terra del Sole con il supporto del Leo Chorus e con Rachele Stanisci nei panni di Didone e Carlo Provenzano in quelli di Enea. L’opera è registicamente riadattata da Antonio Petris e vede incursioni in scena dal giornalista Antonio Caprarica, quale analista e commentatore della vicenda di Didone ed Enea, tracciando un parallelismo tra il mito e la realtà contemporanea. La direzione musicale è di Andrea Crastolla.

 

L’opera è ambientata scenicamente sulle coste salentine, tra Porto Badisco, dove la tradizione vuole che Enea sia approdato, e Castro, dove le ultime scoperte del tempio di Minerva rispondono più fedelmente al luogo dove Virgilio vi colloca lo sbarco. Una innovativa scenografia in videoediting riproporrà sul palco i luoghi dell’Eneide nel Salento, e ricreerà fedelmente le scene epiche dello sbarco tra grotte e terre incontaminate con riprese in soggettiva alternate a video in movimento e immagini fisse ad accompagnare le singole scene. Tra queste, le immagini della Grotta dei Cervi, straordinariamente concesse dalla Soprintendenza ai beni Archeologici, Culturali e Paesaggistici di Taranto, saranno teatro della suggestiva apertura del II atto, con la scena delle streghe convocate in una grotta perché partecipino alla preparazione della rovina di Cartagine e Didone.

I costumi sono realizzati dal Liceo IISS Enrico Giannelli di Parabita, sezione Design del Tessuto, mentre le coreografie sono a cura del Dipartimento di Educazione Motoria del Liceo Moscati di Grottaglie, i cui studenti hanno inoltre curato la redazione dei sovratitoli con traduzione dall’inglese antico all’italiano. Non sono molte le occasioni per assistere a una rappresentazione del capolavoro di Purcell. Il progetto, incentrato nella produzione moderna di Dido and Aeneas, ha tra i principali obiettivi il coinvolgimento e la valorizzazione di nuovi talenti pugliesi: i personaggi secondari, infatti, sono stati selezionati attraverso audizioni nei conservatori di Lecce e Taranto. Ludovica Casilli vestirà i panni di Belinda, Chiara Centonze quelli della Seconda Dama, Rita Renò sarà la Prima Strega e Miriana Lacarbonara la Seconda Strega, Liu Wenjun interpreterà sia la Maga che il Marinaio, Consuelo Federico Anela impersonerà sia lo Spirito che Mercurio. L’opera, in tre atti, si ispira alle avventure di Enea, protagonista dell’Eneide di Virgilio, a Cartagine, ospite della regina Didone, e rappresenta il lavoro più noto e amato di Henry Purcell nonché la sua unica autentica opera lirica secondo i moduli di derivazione italiana, seppur riadattati al gusto inglese e al particolare contesto di destinazione. Opera di grande coesione e concisione drammaturgica, Dido and Aeneas, rappresentata per la prima volta a Londra nell’ottobre del 1689, disegna un percorso psicologico ricco di sfumature teso a valorizzare la figura e la personalità dell’infelice regina di Cartagine. Se il fulcro della vicenda è la profondità del suo sentimento amoroso osteggiato dal fato, la scarna drammaturgia del testo coinvolge, in chiave simbolica, situazioni mitologiche e arcadiche tipiche del “masque” allora in voga. Dopo la prima del 17 dicembre al Teatro Apollo di Lecce, le repliche si terranno il 20 dicembre al Teatro Fusco di Taranto e il 21 dicembre al Teatro Monticello di Grottaglie.

 

“Didone ed Enea – Tra mito e realtà” è prodotto da Proloco Gallipoli in partenariato con associazione musicale “Parsifal” (Mesagne, Br), associazione “Il Musicante” (Gallipoli, Le), associazione “Emys ambiente” (Gallipoli, Le) ed è stato finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito del Programma Straordinario in materia di Cultura e Spettacolo (azione 3). Supporto tecnico al progetto di Fabiola Carlino, musicologa esperta in progettazione e finanziamenti europei.

Informazioni:
apertura porte ore 19:00
Sipario ore 19:30
Ingresso libero
Posti riservati a 200 ingressi liberi. Inviti disponibili per il ritiro, fino a esaurimento, presso la sede dell’assessorato alla Cultura, palazzo Piazzo in via Castello, informazioni allo 0831776065 – apertura dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14 – e presso il Teatro comunale di Mesagne in via Federico II Svevo, informazioni 0831776691, sabato 14 e domenica 15 dicembre dalle 16.30 alle 19.30.

No Comments