April 8, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

1.500 voti “spostati” notte tempo nel rione Paradiso in favore dell’attuale sindaco Riccardo Rossi per ribaltare l’esito del primo turno elettorale (che aveva visto in netto vantaggio l’avv. Cavalera).
L’accusa – inquietante e gravissima – è emersa ieri nel corso dell’incontro che il primo cittadino ha tenuto a Palazzo di Città ed a cui hanno partecipato numerosi cittadini, oltre che dipendenti di società partecipate.
A formularla è stato un dipendente della Brindisi Multiservizi e la registrazione ormai viaggia speditamente sul web grazie al servizio di una testata online.
A questo punto, è indispensabile che Rossi faccia chiarezza su quanto accaduto tra il primo e il secondo turno elettorale, soprattutto in riferimento allo “spostamento” di un così alto numero di voti grazie al decisivo intervento dello stesso dipendente della BMS e per giunta “notte tempo”.
Se la storia non è andata in questi termini, allora sporga querela. Diversamente, ci sono tutti gli estremi perché si vada ben oltre la semplice cronaca giornalistica.

 

Coordinamento cittadino di Forza Italia

 

 

No Comments